L’intenzione è quella di portare il caso al tavolo della Conferenza dei Sindaci. Lo ha anticipato Roberto Gravina, prendendo posizione sul mancato rinnovo del servizio delle Usca, le squadre mediche che fino ad oggi hanno curato i pazienti Covid nelle loro case.
E’ un problema – ha spiegato il sindaco di Campobasso – che riguarda tutti i centri della regione per questo – ha aggiunto – andando oltre il singolo episodio è opportuno chiedere ad Asrem e alla struttura commissariale di chiarire alle Amministrazioni comunali ma soprattutto ai cittadini non il perché delle riduzioni dei servizi che amaramente si stanno susseguendo, ma di illustrare cosa concretamente si sta facendo per evitare nuovi tagli e rafforzare gli organici.
Anche su quest’ultimo tema, il sindaco è stato chiaro.
“Nei mesi scorsi, – ha spiegato Gravina – tante sono state le rassicurazioni da parte di Asrem e della struttura commissariale sulla capacità del sistema sanitario di fare fronte, in modo immediato, alla carenza di medici.
Purtroppo – ha rimarcato il sindaco – le situazioni accadute in questi giorni sono solo una parte di ciò che è stato disatteso e che sta concorrendo a mettere ancora più in sofferenza la sanità regionale.
Oltre al mancato rinnovo delle Usca, Gravina ha segnalato che a Campobasso la postazione del 118 di Via Montegrappa lavora senza l’apporto di un medico, ma solo con infermieri e soccorritori.
I sindaci, in quanto rappresentanti dei cittadini delle comunità che siamo stati chiamati ad amministrare – ha concluso Gravina – meritano di ricevere attenzioni concrete, fatte di atti, e non solo parole rassicuranti e poco altro, come accaduto finora.

Potrebbe interessanti anche:

A Poggio Sannita arriva la sagra di salsiccia e friarelli

Il 19 agosto 2022 dalle ore 20 a Poggio Sannita in via Parallela si terrà la sagra “…