A San Pietro Avellana la minoranza ha bocciato senza mezzi termini l’operato dell’Amministrazione comunale guidata dalla Sindaca Simona De Caprio. Una presa di posizione netta scaturita dall’attacco lanciato dalla maggioranza nei giorni scorsi.

L’attacco della maggioranza

La scorsa settimana, l’Amministrazione aveva sollevato la questione delle perdite idriche delle condotte comunali. “L’acqua è un bene di prima necessità – avevano affermato della maggioranza – A San Pietro Avellana è stata sprecata per 4 anni“. A campeggiare, in allegato alla nota, una prova visiva dello spreco dell’oro blu raffigurante la perdita di una tubatura. Chiaro il riferimento al passato che suona quasi da monito verso la cittadinanza, come per intendere che l’Amministrazione precedentemente in carica, guidata dall’ex Sindaco Francesco Lombardi, non fosse stata vigile sulla questione sprechi.

A San Pietro Avellana la minoranza boccia l’Amministrazione

La risposta della minoranza de “Il nostro paese”, però, non si è fatta attendere: “Al di là di ciò si vuole far intendere, che l’Amministrazione è attiva nella risoluzione delle problematiche e che quella precedente non lo fosse;  si tratta della solita propaganda dei ‘Palmiro Cangini’ di casa nostra, che urlano ai 4 venti ‘fatti, non pugnette!’. Di fatti ne vediamo pochi, anzi pochissimi, vediamo solo una continua e costante misurazione con il passato e un ininterrotto scaricabarile su tutto (salvo poi farsi i belli in TV con i progetti realizzati dai brutti e cattivi di prima).

Facciamo qualche precisazione: 1) la condotta in questione riceve acqua, non sollevata elettricamente ed in abbondante esubero, dal serbatoio “Fonte Grande”; 2) i lavori sulla condotta sono previsti all’interno di un finanziamento di ben 293.000 euro ottenuto dalla precedente amministrazione per sistemare gran parte delle perdite idriche della vecchia e ammalorata rete comunale; 3) nel corso degli anni passati moltissimi lavori sono stati eseguiti per riparare perdite idriche senza farsi i belli perché è un’attività che si fa regolarmente; 4) a fronte di un finanziamento regionale è convenuto al comune affidare (con quale determina? Chi realizza i lavori? A che prezzo?) ad un impresa esterna dei lavori pagati con fondi delle casse comunali?”.

Giuseppe Sebastiano: “Rammaricati di non aver sfruttato occasione importante per il paese”

In aggiunta, la dura risposta della minoranza ha sollevato anche un’altra questione inerente la gestione del territorio. Si tratta del mancato ottenimento dei finanziamenti per lo sviluppo territoriale previsti dal Bando Borghi “Linea B” del PNRR. Il progetto di San Pietro Avellana, infatti, non è risultato vincitore. “Come gruppo di minoranza siamo rammaricati di non essere riusciti a sfruttare un’opportunità importante per il nostro paese – ha dichiarato a Il Giornale del Molise Giuseppe Sebastiano, capogruppo di minoranza – Il progetto presentato dalla maggioranza è stato valutato dalla commissione con 38 punti su 100, una valutazione gravemente insufficiente che deve fare riflettere sulle competenze e le capacità necessarie per non perdere occasioni importanti di crescita e sviluppo“.

Potrebbe interessanti anche:

A Poggio Sannita arriva la sagra di salsiccia e friarelli

Il 19 agosto 2022 dalle ore 20 a Poggio Sannita in via Parallela si terrà la sagra “…