Novità sul fronte sempre caldo della sanità regionale. Per la prima volta il Molise si siede ad un tavolo insieme alle altre quattro regioni confinanti: Abruzzo, Puglia, Lazio e Campania, per definire un programma di lavoro che porterà alla stipula di accordi di confine, con la prospettiva di ridurre il fenomeno della mobilità passiva. Ieri la riunione in Commissione in sede di conferenza delle regioni. Soddisfatto di questo primo passo il presidente Toma.

Toma interviene anche sull’evoluzione del quadro politico. Ciascuno è legittimato a porre candidature al vertice della regione – e il riferimento è a Fratelli d’Italia – ma attenzione all’errore classico del centrodestra, la divisione. I casi, ultimo quello di Verona, e il precedente di Isernia, devono fare da monito. Divisi si perde.

Potrebbe interessanti anche:

A Poggio Sannita arriva la sagra di salsiccia e friarelli

Il 19 agosto 2022 dalle ore 20 a Poggio Sannita in via Parallela si terrà la sagra “…