Giorgio Iacapraro, ex comandante di Polizia Municipale di Agnone, ha lanciato l’idea dello sviluppo del progetto delle Sorgenti Verrino ad Agnone per contrastare lo spopolamento e al tempo stesso accrescere il flusso turistico.

Sorgenti Verrino ad Agnone: l’idea di Iacapraro

Di seguito, la nota di Iacapraro a riguardo: “Il Professor William Douglas, tra gli anni 1972/74, studiò ‘L’emigrazione in un paese dell’Italia meridionale. Agnone tra storia ed antropologia’, scrivendone un libro. Secondo lui, per invertire la tendenza migratoria e, quindi, lo spopolamento del paese, occorre un elemento catalizzatore di ampio richiamo, intorno al quale realizzare un turismo di massa.

Ha riferito l’esempio del suo paese di origine, laddove si verificava lo stesso fenomeno, allorquando hanno ideato il lancio delle Mongolfiere, che ha invertito il fenomeno, da emigratorio ad immigratorio, con stanziamento nella zona anche perché quel paese, come Agnone, aveva anche altre attrattive (lontano dal caos della città e presenza di luoghi incantevoli, per escursioni e culturali). Agnone, secondo me, dovrebbe riprendere e sviluppare il progetto ‘Le sorgenti del Verrino’, per il quale venne ristrutturata la scuola di Petronero, quale guardiania, attivando una navetta per il trasporto delle persone, con partenza da Agnone.

Il percorso per arrivare alle cascate è ricco di luoghi incantevoli, di valenza naturalistico/ambientale, egregiamente descritti da Pietro Falcione in ‘Le Cascate del Verrino • AgnoneCultura’ . Di recente, Il nucleo di volontariato e protezione civile di Agnone, diretto dal Cav. Uff. Mario Petrecca, su mio suggerimento ha presentato alla Regione Molise una richiesta di finanziamento per € 20.000, al fine di migliorare l’area delle sorgenti, con tavoli e panche rustici, cestini, ripulitura delle aree e cartellonistica turistica di indicazione. Anche una navetta che da Agnone colleghi l’Alto Molise / Vastese alle spiagge di San Salvo/Vasto, non solo ci porterebbe al mare, ma ci sarebbe la possibilità inversa, che favorirebbe visite alle nostre montagne.

Ci sarebbe poi l’ambizione di portare in Agnone i pensionati residenti all’estero (sia nostri compaesani che stranieri), che per Legge dello Stato avrebbero uno sconto sulle tasse, pagando solo il 7 %. Tra l’altro, Agnone ha un patrimonio immobiliare per circa 30.000 abitanti (molte case disabitate ed in vendita). Tutto ciò, non è difficile. Basterebbero le professionalità pubbliche adeguate, in collaborazione con le tante Associazioni presenti sul territorio e con i pensionati, che il Sindaco di Pesaro chiama esperti e consulta prioritariamente, prima degli incontri politici.

Potrebbe interessanti anche:

Tragico incidente a Poggio Sannita: uomo di Agnone muore investito dalla sua auto

Tragico e sfortunato incidente nell’agro di Poggio Sannita. Un anziano di Agnone si era so…