Un antico water risalente a circa due secoli fa, in un palazzo di salita Santa Maria Maggiore, nel borgo antico. Lo ha scoperto, grazie alla collaborazione di un residente, Paolo Morettini, presidente dell’Associazione ‘Centro storico’ di Campobasso che da anni collabora con il Comune. “Non sono riuscito, dopo lunghe ricerche all’Archivio di Stato, rese piu’ complicate dalla pandemia – spiega Morettini – a trovare la famiglia nobile e benestante che, circa due secoli fa risiedeva nel palazzo, ma e’ evidente che avendo due servizi fondamentali, l’acqua e il bagno, non si trattava di persone comuni. Molto probabilmente – prosegue – questa famiglia aveva interessi economici in citta’ e dimorava in questo palazzo circondandosi di comodita’, uniche in quel tempo, e servitu’ la quale viveva al primo piano dove era situata la cisterna e vi erano le cucine”. Il water, ricavato nel muro maestro, e’ impreziosito da ceramiche colorate e collegato al pozzo nero, considerato che all’epoca non esistevano le fognature. “Invece – fa sapere Morettini – esistevano i lutammari, da lutamma che vuol dire letame, persone che giravano per le strade a raccogliere gli escrementi, pulendo anche i pozzi neri. Tale inaspettata scoperta conferma che il borgo antico possiede pezzi della sua storia millenaria iniziata dai Sanniti e proseguita dalla presenza dell’Impero Romano, dai Longobardi, dai Normanni, dagli Svevi, dagli Angioini e dagli Aragonesi”.

Potrebbe interessanti anche:

Tragico incidente a Poggio Sannita: uomo di Agnone muore investito dalla sua auto

Tragico e sfortunato incidente nell’agro di Poggio Sannita. Un anziano di Agnone si era so…