Era un giovane studente quando per la prima volta visitò in Molise. Ci è tornato, adesso, da Ambasciatore del Messico, Carlos Garcia de Alba e si è fermato due giorni per incontrare le autorità politiche e istituzionali, tra i quali il governatore Toma, il Rettore dell’Unimol Brunese e oggi ha chiuso il suo giro in Prefettura a Campobasso, con il vice prefetto Elvira Ennuzzolo.

Ha avuto colloqui anche con alcuni dei 25 messicani che vivono e lavorano nella nostra regione. Ha già avuto incontri in 17 regioni e ne mancano tre (Marche, Calabria e Basilicata). “Tra Italia e Messico i rapporti, anche economici, sono buoni – ha detto – ci sono investitori messicani importanti, ad esempio nel campo della gastronomia. È messicana l’azienda prima produttrice di pane in Italia a livello di grande distribuzione”.

Con il Molise sono ottimi i rapporti e ci sono le basi, ad esempio, per andare avanti nell’agroalimentare per import ed export. “Il cibo italiano è molto apprezzato anche in Messico – ha detto – e con la vostra regione è possibile uno scambio proficuo. Ho avuto contatti con il mondo imprenditoriale”.

Proficuo, poi, l’incontro con il Rettore Brunese per un concreto gemellaggio con l’Università dello Yucatan. “Sì, un gemellaggio – ha spiegato l’ambasciatore – perché non è possibile solo tra città, ma anche tra atenei e si sta lavorando alla proposta dell’_Unimol di una cattedra nell’ambito turistico. La cattedra Mexico. Io credo che si farà”.

Potrebbe interessanti anche:

A Civitanova torna la “coppa” con carne e patate

Il 19 e 20 agosto a Civitanova del Sannio torna l’evento “Carne e patate sott alla coppa”.…