Questa mattina San Pietro Avellana ha avuto modo di festeggiare l’iscrizione della “Cerca e cavatura del tartufo” nella lista rappresentativa UNESCO del Patrimonio Culturale Immateriale. La giornata di celebrazione del risultato raggiunto si è svolta presso la “Casa del Cinema” di Roma, una location esclusiva selezionata dal Ministero della Cultura.

Da San Pietro Avellana a Roma per celebrare il tartufo

Alla mattinata all’insegna della celebrazione del tartufo hanno preso parte le comunità del tartufo rientranti nell’Associazione Nazionale Città del Tartufo (Anct), nella Federazione Nazionale Associazioni Tartufai Italiani (Fnati) e in altre associazioni non iscritte. La Sindaca Simona De Caprio ha partecipato all’evento in rappresentanza di San Pietro Avellana, Comune che ha lavorato per molto tempo nell’ottica di raggiungere l’importante riconoscimento a favore del tartufo altomolisano. Per l’occasione, la Sottosegretaria di Stato sen. Lucia Borgonzoni ha consegnato alla prima cittadina l’attestato di avvenuta iscrizione della “cerca e cavatura del tartufo” al registro UNESCO. Presente in rappresentanza del Molise anche l’Assessore all’Agricoltura Nicola Cavaliere.

Il commento di Simona De Caprio

Questo riconoscimento non è traguardo, bensì un trampolino di lancio” ha commentato la De Caprio. “L’Amministrazione e la cittadinanza si stanno già preparando per la prossima mostra-mercato del tartufo che si terrà ad agosto nel nostro Comune”.

Potrebbe interessanti anche:

Il Covid torna a fare paura, 462 casi in Regione; 112 solo a Campobasso

Numeri che tornano a fare paura. Gli esperti parlano di varianti e di guardia ormai abbass…