Il 27 giugno è una data importante per il gruppo Stellantis ma soprattutto per i lavoratori della fabbrica di Termoli, inizia di fatto la fase programmatica per la realizzazione della giga factory nella città adriatica. Proprio tra 7 giorni si terrà un incontro a Roma tra dirigenza dell’azienda e i sindacati. Inizia a delinearsi il quadro di interventi per la riconversione della fabbrica.

Che la gigafactory si realizzerà a Termoli è cosa nota ormai a tutti, ma sulla programmazione dei lavori, sulla contezza dei numeri, soprattutto in termini di occupazione, sulla formazione degli operai per nuove competenze, al momento non vi sono certezze. L’incontro del 27 giugno potrebbe chiarire molti punti.
Intanto nelle fabbriche del colosso dell’automotive la cassa integrazione è ormai da tempo ammortizzatore quotidiano, resta la carenza di semiconduttori in ambito mondiale e i riflessi sono inevitabili.

Il processo di transizione ecologica passa anche per Termoli, adattarsi ai cambiamenti tecnologici è obbligatorio. Il futuro del settore dell’auto è ormai scritto: il passaggio dalla produzione di motori endotermici a elettrici, nei prossimi 10 anni, è decisione acclarata.

Potrebbe interessanti anche:

Il Covid torna a fare paura, 462 casi in Regione; 112 solo a Campobasso

Numeri che tornano a fare paura. Gli esperti parlano di varianti e di guardia ormai abbass…