Un mito della musica italiana in cattedra. E’ accaduto stamattina all’università del Molise dove è arrivato Mogol. L’autore di centinaia di canzoni tra le più famose degli ultimi 60 anni ha incontrato gli studenti per raccontare la sua straordinaria carriera. Con loro ha parlato ovviamente dello stato di salute della musica italiana rammaricandosi del fatto che oggi “per avere successo più che la qualità delle canzoni contano i follower che si hanno sui social”. Inevitabile un riferimento a Battisti: “Lui amava più le critiche che i compimenti” ha rivelato Mogol che proprio con Battisti ha composto alcune canzoni intramontabili. “Lui – ha aggiunto – mi disse che con i complimenti non si migliora ma con le critichè sì. E questo è vero perché se qualcuno mi fa una critica io sono molto attento e posso migliorare”.

Potrebbe interessanti anche:

Auto investe due donne a Campobasso, ricoverate al Cardarelli

Incidente stradale questa sera poco dopo le 19 in via XXIV maggio a Campobasso, nella part…