Si è svolta in mattinata la conferenza stampa per la presentazione del programma della ventesima edizione di Ti racconto un libro 2022, il laboratorio permanente sulla lettura e sulla narrazione promosso e realizzato dal Comune di Campobasso e dall’Unione Lettori Italiani, con il patrocinio della Provincia di Campobasso. Presenti per l’occasione, oltre al sindaco di Campobasso, Roberto Gravina, l’assessore alla Cultura, Paola Felice, il direttore artistico di “Ti racconto un libro”, Brunella Santoli, e la direttrice della casa circondariale di Campobasso, la dottoressa Antonella De Paola.

“Si torna a confrontarsi attraverso l’universo inesauribile delle storie e, soprattutto, si torna a parlarsi e a parlare con chi quelle storie ha scelto di condividerle con un ampio pubblico, ovvero gli autori. – ha dichiarato il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina – La forza di Ti Racconto un Libro è sempre stata quella di aggregare stimoli culturali differenti in nome di un progetto di diffusione della lettura composito e variegato, nel quale hanno trovato spazio importante le relazioni e i rapporti diretti che la nostra comunità ha stabilito e coltivato con gli autori ospitati e, più in generale, con tutti coloro che ne hanno animato e reso possibili le varie edizioni, tutte ugualmente dense di contenuti e proposte che ci hanno permesso, negli anni, di volgere lo sguardo verso traiettorie letterarie affascinanti, rendendocele vicine, prossime e rendendo la nostra città un crocevia simbolico di esperienze e forme espressive.” Venti anni interamente dedicati a promuovere la lettura e la narrazione. Ti racconto un libro 2022, il laboratorio permanente sulla lettura e sulla narrazione promosso e realizzato dal Comune di Campobasso e dall’Unione Lettori Italiani, con la direzione artistica e organizzativa di Brunella Santoli e il patrocinio della Provincia di Campobasso, si prepara a festeggiare un traguardo straordinario, confermandosi uno dei progetti culturali più longevi della storia della regione che ha come unica regola la qualità delle proposte. “Oggi si conclude il Salone del Libro a Torino e noi a Campobasso raccogliamo idealmente il testimone, con la presentazione di una rassegna che nel tempo ha mostrato l’importanza dell’attenzione che va data alla lettura.- ha dichiarato l’assessore Felice – Vogliamo ringraziare anche la Provincia di Campobasso e il suo Presidente, Francesco Roberti, per averci dato la possibilità di offrire a questa rassegna un luogo nuovo, necessario per accogliere una serie di appuntamenti importanti, come la Sala della Costituzione.”

A inaugurare la ventesima edizione (24 maggio, ore 18.30, Sala della Costituzione della Provincia di Campobasso) sarà Piero Dorfles, brillante scrittore, giornalista e critico letterario, conosciuto al grande pubblico anche per la partecipazione al seguitissimo programma Rai Per un pugno di libri.

Con il pubblico di Ti racconto un libro condividerà le sue riflessioni sull’importanza della lettura come straordinaria opportunità di conoscere se stessi e gli altri e di capire la vita. Riflessioni che sono confluite nel volume Il lavoro del lettore – Perché leggere cambia la vita (edito da Bompiani) che lo scrittore presenterà martedì 24 maggio alle ore 18.30 nella Sala della Costituzione del Palazzo della Provincia di Campobasso.

Si tratta di un omaggio ai libri e ai lettori, protagonisti di un’esperienza unica. Nei libri infatti c’è la storia dell’uomo, con le sue conquiste e i suoi fallimenti; ci siamo noi, con i nostri sentimenti, sogni, azioni; c’è quell’esperienza simbolica che ci spinge a sviluppare ingegno, fantasia e immaginazione. I libri sono una delle risorse più straordinarie per salvarci dalle prove della vita: chi sa leggere lo fa anche di fronte alle ansie più drammatiche, alle angosce più profonde, ai dolori più esacerbanti. L’autore illumina le prospettive che la letteratura può aprirci raccogliendo nel suo volume alcune opere classiche raggruppate per grandi temi, quelli centrali dell’esperienza umana. Il risultato è una ricognizione personalissima che ci dimostra perché il lavoro del lettore è il più bello che esista. L’autore dialogherà con Chiara Balestrazzi, giornalista Rai.

Giovedì 26 maggio (ore 18.30, Auditorium GIL-Campobasso) sarà la volta di Pier Paolo Giannubilo, scrittore molisano che bissa l’esperienza con Rizzoli con il suo nuovo romanzo Incendio sul mare. La storia è ambientata nelle Isole Tremiti dove, tra la bellezza e il fascino abbagliante dei luoghi, si intrecciano ricatti, colpe, fragilità, segreti, verità negate e amori.

Il cinema di Truffaut è al centro dell’opera di Paola Malanga, nuovo direttore artistico della Festa del Cinema di Roma e Vice Direttore di Rai Cinema, che sarà ospite di Ti racconto un libro mercoledì 8 giugno (ore 18.30, sala Cinema Alphaville di Campobasso) con un’opera rivolta non solo a chi sente la mancanza del grande regista francese, ma anche e soprattutto a chi non lo conosce.

Il giorno seguente, giovedì 9 giugno (ore 18.30, Sala della Costituzione della Provincia di Campobasso) toccherà allo scrittore di grande successo Lorenzo Marone con il suo Le madri non dormono mai (Einaudi), storia di due vite fragili tra altre vite fragili, donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia.

Elena Stancanelli, scrittrice e giornalista, è invece protagonista dell’incontro in programma giovedì 23 giugno (ore 18.30, Sala della Costituzione della Provincia di Campobasso) per presentare Il Tuffatore (La nave di Teseo ed.) in cui reinterpreta la parabola dell’imprenditore ravennate Raul Gardini come il romanzo di una generazione scomparsa, fatta di uomini sconfitti dalla storia, fieri del loro coraggio, arroganti, pronti a rischiare fino all’azzardo, fino a quando tutto crolla.

L’attualità sarà protagonista dell’appuntamento di martedì 28 giugno (ore 18.30, Sala della Costituzione della Provincia di Campobasso) con Francesco Battistini, inviato del Corriere della Sera, che in Fronte Ucraina-dentro la guerra che minaccia l’Europa racconta l’assurdità della guerra nel cuore del vecchio continente, una catastrofe inattesa che stravolge la nostra vita quotidiana e segnerà la storia dei prossimi anni.

A chiudere la prima parte della programmazione ci sarà Maria Luisa Bianchi con La promessa di Ekaterina (giovedì 30 giugno, ore 18.30, Sala della Costituzione della Provincia di Campobasso), secondo capitolo della vita di una schiava russa ora alle prese con una nuova fase della sua vita, caratterizzata dalla ricerca di un figlio perduto, ma anche e soprattutto di un nuovo inizio, di una nuova consapevolezza di sé e della libertà dai vincoli ingiusti della schiavitù.

In questa prima parte ci sarà spazio anche per Ti racconto un libro Infanzia con le sue attività pensate per i più piccoli. L’appuntamento inaugurale è affidato a Cristiano Spinelli, autore e illustratore di libri per bambini che con Storie di carta farà partecipare i bambini alla nascita di un bellissimo libro che, tra racconti, storie e immagini, affronta in modo poetico e accattivante il tema dell’unicità e della bellezza “degli sbagliati”. L’appuntamento è in programma lunedì 30 maggio ed è destinato ai bambini del secondo ciclo della scuola primaria, mentre nel pomeriggio l’autore sarà protagonista di Favole a merenda (lunedì 30 maggio ore 16.30, Sala Circolo Sannitico di Campobasso), l’attesissimo appuntamento che alla magia della lettura unisce la gioia di una gustosa merenda da condividere.

In questa prima parte di Ti racconto un libro 2022 partirà anche il bando della XX edizione del premio regionale di narrativa intitolato a Michele Buldrini, la cui premiazione è prevista in autunno. Anche questa edizione prevede un’unica sezione dedicata ai giovani di età compresa tra i 16 e i 36 anni. Un modo più innovativo di intendere e promuovere la scrittura che punta a far confrontare tra loro “giovani scrittori” di formazione diversa, in linea con l’idea che il talento possa esprimersi al meglio in un contesto culturale più ampio e libero da vincoli dettati dalle fasce di età. A giudicare i manoscritti sarà ancora una volta la prestigiosa giuria composta da alcuni dei maggiori esponenti della narrativa italiana contemporanea: Diego de Silva, Teresa Ciabatti, Marcello Fois, Ivan Cotroneo, Guido Catalano e Antonio Pascale.

Torna anche SCRITTODICUORE il concorso nazionale di scrittura rivolto agli istituti carcerari giunto alla sesta edizione e pensato per far emergere l’affettività dei detenuti che da sempre trova nella scrittura la migliore forma di espressione. La giuria che dovrà decretare il vincitore è composta da autorevoli scrittori che all’amore e ai sentimenti hanno dedicato numerose pagine delle loro opere: Franco Armino (poeta e narratore), Camilla Baresani (scrittrice e giornalista), Anna Giurikovich Dato (scrittrice e giornalista) e Pino Roveredo (scrittore). La cerimonia di premiazione è prevista in autunno, unitamente al ciclo di incontri SCRITTI DI CUORE – L’amore e le parole per raccontarlo che ospiterà le voci di autorevoli scrittori e giornalisti per raccontare le varie forme dell’amore, occasioni importanti per favorire anche quella nobile pratica ormai dimenticata dalla nostra società che è rappresentata dall’educazione sentimentale, intesa come insegnamento all’armonica e sana relazione con l’altro.

Potrebbe interessanti anche:

Il Covid torna a fare paura, 462 casi in Regione; 112 solo a Campobasso

Numeri che tornano a fare paura. Gli esperti parlano di varianti e di guardia ormai abbass…