L’area parcheggio di Viale Manzoni, adiacente la struttura dell’Università del Molise Palaunimol, non sarà più soggetta al pagamento del ticket. Tra qualche giorno. Il tempo necessario affinché la SEA (la società partecipata del Comune di Campobasso che gestisce – oltre alla raccolta rifiuti – diversi servizi della città capoluogo) provveda alla rimozione della segnaletica – verticale – che, finora, ha imposto agli automobilisti l’obbligo di pagare la sosta dei veicoli. Già da tempo, comunque, il prezzo orario dello stazionamento dei veicoli, in quel parcheggio, era molto basso rispetto a quello di altre aree di sosta a strisce blu della città.

La delibera (n. 148) è stata approvata dalla Giunta comunale lo scorso 18 maggio, ed è immediatamente esecutiva.

E le motivazioni che hanno portato alla scelta sono chiaramente esplicitate nel provvedimento adottato dall’esecutivo.

Innanzitutto l’opportunità di incentivare l’utilizzo dell’area parcheggio, data la sua posizione di prossimità al centro cittadino e all’ex stadio “Romagnoli” che, attualmente, è disponibile per la sosta gratuita ma che sovente viene utilizzato per eventi ed anche per il mercato cittadino.

L’intenzione dell’Amministrazione comunale è dunque quella di favorire il decongestionamento del centro città incentivando, stabilendone appunto l’utilizzo gratuito, il parcheggio di Viale Manzoni che risulta collocato in zona strategica e potrebbe soddisfare buona parte dell’utenza della direttrice Vazzieri, evitando così l’ingresso in centro di molti veicoli.

Il contratto Comune-Sea che riguarda anche la gestione delle aree di sosta dei veicoli a pagamento è stato modificato, di comune accordo tra le parti. E senza maggiori oneri economici per Palazzo S. Giorgio (il corrispettivo che la Sea versa, per contratto, al Comune, rimane invariato). Con il risultato di restituire alla città un’area parcheggio importante, finora poco utilizzata proprio perché a pagamento.

Potrebbe interessanti anche:

Il Covid torna a fare paura, 462 casi in Regione; 112 solo a Campobasso

Numeri che tornano a fare paura. Gli esperti parlano di varianti e di guardia ormai abbass…