Nonostante siano passati piu’ di 30 anni dal 19 maggio 1990, giorno in cui l’omosessualita’ venne rimossa dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale delle malattie pubblicata dall’Organizzazione mondiale della Sanita’ (Oms), “orientamento sessuale e identita’ di genere sono ancora ai primi posti fra le cause di discriminazione negli spazi pubblici, sul luogo di lavoro, e persino in famiglia”. Lo afferma l’assessore ai Diritti e alle Pari opportunita’ del Comune di Campobasso, Paola Felice, annunciando l’adesione del Comune alla ‘Giornata internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la transfobia e la bifobia’ che si celebra domani al fine di promuovere e coordinare eventi di sensibilizzazione e prevenzione per contrastare il fenomeno in tutte le sue forme e in tutti i Paesi del mondo. “L’impegno dell’Amministrazione comunale e dell’intera comunita’ – prosegue – e’ crescente su tutti i temi che necessitano di divulgare una cultura del rispetto che deve essere ritenuta un patrimonio di liberta’ da difendere e, allo stesso tempo, ampliare il piu’ possibile a favore di ogni individuo, perche’ ogni persona, come e’ giusto che sia, ne possa usufruire. Campobasso ha intrapreso da tempo un cammino che la rende oggi, anche grazie alla presenza di luoghi come il ‘Centro Molise Lgbt’ inaugurato qualche settimana fa, una citta’ aperta, inclusiva e accogliente”.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, monitoraggio settimanale: in Molise salgono incidenza dei casi e indice Rt

In Molise incidenza dei casi Covid  ancora in aumento. Si passa da 451 a 727 , in linea co…