Festa della birra e delle polemiche a Isernia, dove nella notte tra sabato e domenica la musica ad altissimo volume in uscita dagli stand della manifestazione ha tenuto sveglio un intero quartiere, suscitando proteste e richieste di intervento per Carabinieri e Polizia.
La serata è stata organizzata nel Parco della Stazione, ma il disturbo provocato ha tenuto svegli tutti i residenti nella zona che affaccia su via Libero Testa. Le Forze dell’Ordine, alle numerose chiamate, hanno risposto di non poter intervenire perché c’era un’ordinanza del Comune che consentiva di suonare ad alto volume fino alle 2 di notte.
Tutto normale per l’amministrazione che, però, aveva dimenticato di avvisare i residenti.

Il tutto è successo dopo che, a dicembre scorso, è cessata l’ordinanza dell’ex sindaco d’Apollonio, che imponeva di “prevenire, con ogni utile accorgimento, nelle ore serali o notturne comportamenti chiassosi da parte degli avventori nelle aree esterne all’esercizio, richiedendo, se necessario, l’intervento delle Forze dell’Ordine”.
Ad accompagnare le polemiche dei residenti, anche la felice consapevolezza dei giovani che – da un lato – godono del fatto che a Isernia stia ritornando la movida notturna. Una scossa di cui Isernia ha bisogno – hanno detto i residenti -, ma non nel mezzo del centro abitato.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, monitoraggio settimanale: in Molise salgono incidenza dei casi e indice Rt

In Molise incidenza dei casi Covid  ancora in aumento. Si passa da 451 a 727 , in linea co…