In Molise, ad oggi, si contano tra i 5mila ed i 6mila malati di Alzheimer, una patologia neurodegenerativa a decorso cronico e progressivo che divora offuscando i ricordi, distruggendo le cellule del cervello causando un deterioramento irreversibile fino a compromettere le normali attività giornaliere.

Una malattia che richiede interventi sin dalla prima fase, affinchè si rallentino e si arginino, il più possibile, i danni. È dunque fondamentale il supporto, in sinergia, di medici, specialisti e fisioterapisti.

“Chi ne è affetto – ha sottolineato la consigliera regionale, Aida Romagnuolo – va seguito in centri specifici, e mentre a Campobasso è presente una struttura diurna dedicata, il territorio isernino ne è sfornito. Una ingiustizia per gli utenti. Tutti dovrebbero avere pari diritti. Per questo ho presentato un ordine del giorno alla Legge di Stabilità in discussione in questi giorni a palazzo D’Aimmo perché si stanzino, nel più breve tempo possibile, le risorse necessarie alla realizzazione di centro anche nell’area pentra”.

Potrebbe interessanti anche:

Covid: un decesso, 61 nuovi positivi e 308 guariti

L’ultimo bollettino Asrem con i dati Covid in Molise. Da registrare ancora un decess…