Il 9 maggio si celebra la Giornata d’Europa. Per il presidente del Consiglio regionale, Salvatore Micone, la pace mondiale non potrà essere salvaguardata se non con sforzi creativi, proporzionali ai pericoli che la minacciano. Il contributo che un’Europa organizzata e vitale può apportare alla civiltà è indispensabile per il mantenimento di relazioni pacifiche . E’ difficile in questo giorno e con quello che sta accadendo nel cuore del vecchio continente e nel mondo, non essere ancora una volta colpiti dall’attualità delle dichiarazioni di Robert Schuman, pronunciate il 9 maggio 1950, agli albori dell’Europa comunitaria – ha dichiarato – Dichiarazioni che colpirono, entusiasmarono ed impegnarono le classi dirigenti di alcuni di quei paesi della vecchia Europa, tra cui il nostro, che fino a pochissimo tempo prima si erano combattuti ferocemente nel secondo conflitto mondiale. Parole, che trovarono un parallelismo in quelle di De Gasperi o di Spinelli e che possono e debbono essere, oggi più che mai, proprio in queste ore nelle quali intravediamo, con le ipotesi di allargamento del conflitto in Ucraina, la possibilità di un’escalation che possa portare ad un terzo e più sanguinoso e distruttivo conflitto globale, un faro d’azione per i leader e i cittadini dei 27 paesi che compongono la UE. C’è dunque bisogno di più Europa – ha proseguito Micone –  di “unità nella diversità”, di ribadire a noi stessi e al mondo i valori fondanti dell’Europa Unita per affrontare con determinazione, ma anche pacata razionalità, la sfida e i pericoli del conflitto in Ucraina, le criticità che ne verranno in campo energetico, di approvvigionamento di materie prime e alimentari, altre al riassetto geopolitico globale. E’ giusto ripensare, come è stato detto autorevolmente da più parti, anche dal Presidente Draghi in questi giorni, ad alcuni aspetti riguardanti in funzionamento le istituzioni europee, aggiornandole alle odierne esigenze di una grande potenza economico-produttiva e si spera anche militare, riconfermandone però senza indugio i valori fondanti, sanciti nell’articolo 2 del Trattato sull’Unione Europea, quali: il rispetto della dignità umana, la libertà, la democrazia, l’uguaglianza, lo Stato di diritto e il rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze. Proprio sulla base di questi valori gli Stati membri si sono impegnati a suo tempo, ribadendo ad ogni appuntamento della storia quell’intento, a costruire, proteggere e promuovere una società europea caratterizzata dal pluralismo, dalla non discriminazione, dalla tolleranza, dalla giustizia, dalla solidarietà e dalla parità tra donne e uomini. Dunque questo è il giorno in cui dobbiamo essere, come ci invitava il Presidente Ciampi, fieri come non mai di essere molisani, italiani ed europei, ribadendo il nostro impegno singolo e collettivo a costruire un’Europa più forte, più giusta e più capace di essere un interlocutore ascoltato e costruttore di pace in un mondo in continua evoluzione che va incontro a tante criticità e pericoli, prima tra tutte l’emergenza determinata dai cambiamenti climatici”, ha concluso il presidente del Consiglio regionale del Molise.

Potrebbe interessanti anche:

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni. …