Nelle scorse settimane, il Comune di Castel del Giudice aveva presentato un ricorso al TAR Molise (Tribunale Amministrativo Regionale) in merito alla linea A del bando sull’attrattività dei borghi vinto dal Comune di Pietrabbondante. In particolare, l’Amministrazione guidata dal Sindaco Lino Gentile aveva lamentato “l’illegittimità dell’ammissione alla procedura del progetto primo classificato”, oltre “a profili d’illegittimità propri della fase di merito della valutazione dei progetti”. Secondo la visione dei ricorrenti, come riportato dalla testata Primonumero.it, “l’assegnazione dei punteggi al Comune di Pietrabbondante sarebbe censurabile in relazione alla scelta di punteggio adottata invece per Castel del Giudice”.

Esprimendosi sulla questione, il TAR ha deciso di sospendere l’avviso rientrante nei finanziamenti del PNRR tramite il quale la Regione Molise aveva assegnato a Pietrabbondante ben 20 milioni di euro per la realizzazione del progetto “Pietrabbondante, un angolo di mondo tra cielo e terra”. La graduatoria di tale bando, che vede primo classificato il progetto del Sindaco Antonio Di Pasquo, pone in seconda posizione e a soli 8 punti di distacco da Pietrabbondante il progetto presentato da Castel del Giudice.

La decisione definitiva in merito alla sospensione sarà presa da parte del TAR nell’udienza del prossimo 13 luglio.

 

Potrebbe interessanti anche:

Autonomia differenziata. Fanelli: “A rischio il futuro del Molise”

A rischio il futuro del Molise e i livelli essenziali di prestazioni in settori vitali com…