Ancora una tegola per le tasche dei molisani. La stangata arriva da lontano, nel senso che l’aumento del carico fiscale è la diretta conseguenza della legge di Bilancio nazionale che ha ridotto gli scaglioni dell’Irpef da 5 a 4.
Un provvedimento recepito anche dal Consiglio regionale che ha approvato una proposta di legge di iniziativa della giunta per adeguare l’imposta alla riforma fiscale varata dal Governo Draghi, in vigore dal primo gennaio.
L’effetto più evidente riguarda la prima fascia di reddito: per chi rientra nella tabella dai 50mila ai 75mila euro annui, l’addizionale regionale passa dal 2,13% al 2,33. In sostanza l’aliquota è aumentata dello 0,2% che su un reddito di 50mila euro all’anno significano 100 euro di addizionale in più.  Un aumento tutto sommato accettabile, se non fosse che la regione Molise da una decina d’anni è stretta dalla morsa del piano di rientro dal deficit nella sanità che di fatto ha fatto schizzare tutti gli indici ai livelli massimi, a partire dalle accise sui carburanti, per finire alle addizionali regionali sulle imposte.
Stavolta le Regioni dovevano adeguarsi alle nuove norme nazionali in materia fiscale entro il 31 marzo. E così ha fatto il Consiglio regionale, non senza qualche coda polemica però. Innescata dalle modalità con cui la norma è arrivata in aula, proprio in extremis.
Iorio ha ricordato la necessità di una maggiore comunicazione, specie su temi di grande rilevanza come quello della tassazione e del fisco. Tempi e modi contestati anche dal Pd, che ha sottolineato una assenza di organizzazione della maggioranza.
Quando la politica s’imbatte in una struttura amministrativa che non funziona come dovrebbe – ha provato a spiegare Toma – le contromisure a disposizione sono quasi irrilevanti.
Una argomentazione che non ha convito i Dem che al momento del voto hanno abbandonato l’aula. Contro ha votato il Movimento cinque stelle. Ad oggi il Molise continua ad avere la pressione fiscale tra le più elevate d’Italia.

Potrebbe interessanti anche:

Controlli dei Nas nelle case di riposo della regione: riscontrate 5 violazioni

In concomitanza con il periodo di Ferragosto, i Carabinieri del Nas d’intesa con il Minist…