Era arrivato finanche ad accusarla di avere rapporti sessuali con uno dei suoi figli. Era ossessionato da presunti tradimenti della moglie e per questo le aveva reso la vita un inferno con botte e insulti. L’uomo, residente a Campobasso e con problemi psichiatrici accentuati dall’abuso di acol, e ora finito agli arresti con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, Il giudice delle indagini preliminari, accogliendo la richiesta della procura, ha disposto la custodia cautelare non in carcere e nemmeno in una abitazione ai domiciliari, ma nel reparto di Psichiatria dell’ospedale Cardarelli del capoluogo. Nel tempo l’atteggiamento violento era andato peggiorando sempre perché lui era ossessionato da presunti rapporti extraconiugali della moglie. Il marito violento la aggrediva colpendola sul volto e fino a costringerla, al culmine delle violenze, ad avere con lui rapporti sessuali. La donna era continuamente sottoposta a ogni tipo di controllo persino sulla biancheria intima. Più volte le forze dell’ordine erano dovute intervenire nell’abitazione della coppia per fermare le violenze. Per ora l’uomo, grazie alla misura di custodia cautelare che è stata eseguita dalla Squadra Mobile, non potrà più compiere abusi e maltrattamenti e dovrà restare recluso in una stanza d’ospedale. “La vicenda in questione – ha detto il procuratore Nicola D’Angelo – rappresenta un tipo di delitto sempre più frequente e il cui contrasto capillare, tra gli obiettivi della Procura, è doveroso e necessario anche al fine di prevenire reati più gravi tanto è vero che, solo nel 2021, ci sono stati più di 70 ‘codici rossi’ trattati dalla sezione specializzata della Squadra Mobile di Campobasso”.

Potrebbe interessanti anche:

La protesta dei volontari soccorritori: “Se non verremo ascoltati ci fermeremo dal 14 dicembre”

Protestano le associazioni di volontariato che operano attraverso convenzione con Asrem pe…