Anche Andrea Greco, Consigliere regionale in quota Movimento 5 Stelle, ha commentato la notizia relativa alla riapertura delle sale operatorie presso l’Ospedale San Francesco Caracciolo di Agnone. Difatti, a partire dal 23 marzo prossimo, la struttura tornerà ad ospitare interventi di day surgery.

Nella sua nota, però, il portavoce pentastellato non ha mancato di sottolineare il macro-problema riguardante il lento e continuo smantellamento dei servizi presso l’ospedale agnonese. Di seguito, le sue parole: ”La riapertura della sala operatoria C dell’ospedale ‘Caracciolo’ di Agnone per una volta a settimana è un piccolo risultato, che aldilà delle speculazioni politiche di taluni soggetti, rivendichiamo con forza. Questo però non ci soddisfa e non può essere il palliativo per una struttura sanitaria che serve un bacino di utenza di oltre 30 mila abitanti.

L’Asrem, pur accogliendo parzialmente le nostre pressanti richieste fatte attraverso decine di atti e diffide formali al direttore generale, Oreste Florenzano, continua la scellerata opera di tagli ai servizi dell’unico presidio ospedaliero regionale riconosciuto di “area particolarmente disagiata”.

Mi riferisco a quanto accade per il laboratorio Analisi declassato a punto prelievo con esami per gli esterni trasferiti al ‘Veneziale’ di Isernia. Così facendo, la coperta resta corta perché è evidente che se da un lato l’Azienda riconosce l’importanza dell’attivazione della chirurgia ambulatoriale semplice con interventi Asa1 e (forse) Asa2, dall’altra esegue sistematicamente un’azione di smantellamento di servizi essenziali per il territorio. Si tratta di un disegno oscuro, frutto del totale scollamento dal territorio del tandem Toma-Florenzano che perseverano nel dire cose, poi smentite dai fatti, a cittadini e amministrazioni locali.

A riguardo fa specie che nessun sindaco dell’area sia intervenuto sulla vicenda laboratorio Analisi che rischia di perdere l’attuale forza lavoro impoverendo ulteriormente il tessuto socio-economico delle aree interne.

In estrema sintesi la riapertura di una sala operatoria non ci tranquillizza affatto. In primis perché bisogna lavorare per riaprire quella più grande, recentemente ristrutturata, e quindi, riattivare realmente la day surgery così da effettuare al ‘Caracciolo’ interventi che coprano una vasta gamma di casistiche. Ma non solo, perché altri problemi si sono acuiti in tutta la loro gravità e restano irrisolti.

La lista infatti è assai lunga e vede il ‘Caracciolo’ senza una Tac, privo di ambulatori e alle prese con la carenza di medici e infermieri, vedi punto Dialisi e reparto di Medicina che, ancora una volta, mettono a dura prova il personale. Davanti questa fotografia, che rappresenta l’unica verità, il M5S non intende scendere a nessun compromesso se non quello di restituire una sanità pubblica dignitosa ad una popolazione che da troppo tempo paga sulla propria pelle decisioni incomprensibili le quali vanno nella direzione opposta a scelte lungimiranti che tutelino le classi più deboli e indifese della regione.

 

È arrivato il momento, una volta per tutte, di dire basta a questo modo di agire che sta portando alla morte l’area a cavallo tra Molise e Abruzzo. L’invito è alla mobilitazione generale altrimenti si diventerà complici di un ‘assassinio’ generazionale che cancellerà il futuro dei nostri figli.

 

Per fare il punto su quanto accade stiamo organizzando un incontro pubblico con l’obiettivo di mettere in campo azioni valide che possano contrastare il modus operandi di Regione e Asrem. Tuttavia, per fare ciò occorre il contributo di tutti quei cittadini che ogni santo giorno lottano per avere garantito un diritto sancito dalla Carta costituzionale come, appunto, quello della tutela alla salute”.

Potrebbe interessanti anche:

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni. …