Prosegue anche per l’anno scolastico 2021/2022 il progetto dell’Arma dei carabinieri denominato “Cultura della Legalità”, portato avanti da anni con l’obiettivo di sviluppare e rafforzare nei giovani, a partire dai più piccoli, il rispetto dell’altro, delle regole e delle leggi. Per questo motivo, i carabinieri di Castropignano hanno incontrato alcune classi dell’I.C. Cirese. Come relatore è intervenuto il comandante della locale stazione, che ha dato ai bambini notevoli spunti di riflessione, a partire dall’uso delle sostanze stupefacenti ed alcoliche e le dannose conseguenze che hanno sull’organismo. Ma l’attenzione degli alunni si è focalizzata maggiormente su bullismo e Cyberbullismo, fenomeni che purtroppo sono molto aumentati nell’ultimo periodo, anche per via della maggiore diffusione dell’utilizzo di strumenti tecnologici ed il ricorso ai social network e collegamenti a distanza. Il comandante si è poi soffermato a parlare delle norme che regolano la circolazione stradale e la guida di veicoli, e ha toccato anche il delicato argomento della violenza di genere, spiegando ai bambini come si diventa vittime di questo odioso reato. Visto il successo che continuano a riscontrare questi incontri, l’Arma fa sapere che tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio di competenza della Compagnia matesina saranno coinvolti. Perché, come ha avuto modo di ribadire il capitano Pica, “bisogna stimolare i giovani ad emulare chi gli dà il buon esempio, perché come diceva il giudice Falcone per sconfiggere le mafie, ma oggi dire diremmo per arginare la deriva societaria, non occorre un esercito di carabinieri ma uno di insegnanti, perché è in classe che sin da piccoli bisogna educare alla legalità . Oggi c’è bisogno più che mai di figure simbolo e modelli cui ispirarsi”

Potrebbe interessanti anche:

Disabilità gravissima, il Comune di Trivento informa sull’avviso per il caregiver familiare

Disabilità gravissima, il Comune di Trivento informa sull’avviso per il caregiver familiar…