A Venafro fervono i preparativi per la prima mezza maratona “Provincia di Isernia – Città di Venafro”. Oltre agli organizzatori, per le necessarie autorizzazioni per il percorso sono impegnati il comune di Venafro, la provincia di Isernia e l’Anas, poiché il tratto della strada di Bonifica è di competenza di quest’ultima. Un lavoro di coordinamento non indifferente. La manifestazione, organizzata dalla NAI in collaborazione con l’Atletica Venafro e il comune di Venafro, è partorita dalla mente del vulcanico presidente Agostino Caputo. “Sono diversi anni che insieme ai miei collaboratori stavamo pensando a un evento che coinvolgesse più società – afferma il numero uno della NAI – quest’anno, essendo delegato provinciale Fidal ho il compito di promuovere il nostro sport ad ogni livello per questo mi sono posto come obiettivo quello di creare maggiori sinergie e collaborazione tra le società della provincia di Isernia. L’Atletica Venafro in maniera fattiva ha risposto presente a questa richiesta”.
Si tratta della prima volta che due società molisane si mettono insieme per organizzare un evento. “Una novità assoluta – afferma Caputo – abbiamo messo in campo le nostre migliori forze, ognuno per la sua parte: noi della NAI per l’aspetto economico e della ricerca degli sponsor, Massimiliano Terracciano e il suo team per l’impegno sul campo e per gli ottimi rapporti con le società soprattutto campane. Infatti, la scelta di Venafro è stata voluta non solo per la morfologia del territorio, tutto pianeggiante, ma soprattutto per l’ottima collaborazione che negli anni l’Atletica Venafro è riuscita a creare con le società campane in primis, ma anche laziali”. “L’obiettivo è quello di partire in questa edizione, condizionata ancora dalla pandemia, come fosse un banco di prova per puntare in futuro ad una stabilizzazione dell’evento e a una crescita dei numeri nella partecipazione”. “In termini di iscrizioni puntiamo, visto il periodo non proprio favorevole, a raggiungere i 500 atleti – sottolinea Massimiliano Terracciano, presidente dell’Atletica Venafro. A poco più di una settimana dal via siamo a buon punto soprattutto grazie alla presenza delle società campane e laziali. Poche finora, invece, le iscrizioni degli atleti molisani, ma siamo speranzosi di migliorare anche questo dato; inoltre, speriamo in qualche nome blasonato dell’atletica leggera su strada”. Il percorso, completamente extra urbano, è stato approntato così proprio dagli organizzatori al fine di evitare una serie di problematiche: “Prima di tutto alle tante attività commerciali aperte la domenica mattina – spiega il presidente Terracciano – evitare gli assembramenti, che potevano costituire un deterrente per le necessarie autorizzazioni; l’individuazione di una zona comoda per il ritiro dei pettorali e dei pacchi gara e per il cerimoniale, nonché per l’eventuale antidoping: una sorta di piccolo villaggio dello sport. E questi requisiti li soddisfa a pieno il piazzale del Venafro Palace Hotel sulla SS85 Venafrana, zona dove avverrà lo start della Half Marathon e dove per due volte transiteranno gli atleti. Da qui il percorso si snoderà verso le zone di bonifica della piana venafrana”. “Ci auguriamo – dice, infine, il presidente dell’Atletica Venafro – che tutti gli uomini e le forze messi in campo possano garantire una gestione gara perfetta, in maniera tale da dare al Molise e a tutto il centro sud, che più di altre realtà hanno sofferto le conseguenze negative sull’attività sportiva della pandemia, un evento di grande livello”.

Fonte: Ufficio stampa

Potrebbe interessanti anche:

EnergyTime Spike Devils, firma lo schiacciatore Enrico Scarpi

L’Energy Time Spike Devils Campobasso si è assicurata le prestazioni di Enrico Scarpi, sic…