A caccia della continuità per rimanere in zona playoff. Dopo aver staccato il pass per il primo turno di coppa Italia battendo la Lazio nel recupero, il Circolo La Nebbia Cus Molise si appresta ad affrontare uno Sporting Sala Consilina che è in cerca di riscatto e può contare sull’esperienza di tantissimi giocatori che per la serie A2 rappresentano un lusso. Da Gallon a Zancanaro, da Manfroi a Leitao, passando per Brunelli, Carducci ed Egea. Una rosa di primo ordine insomma che fino ad ora non ha ottenuto i risultati sperati alla vigilia della stagione. Certo i campani anche in virtù dell’esordio di Domenico Rosciano in panchina come primo allenatore, hanno grandi motivazioni ma i padroni di casa intendono impreziosire ulteriormente la loro classifica. A presentare la sfida è l’ex di turno Leo Moraes, già grande protagonista in maglia rossoblù. “Ritrovo tanti amici e ottimi compagni di squadra – argomenta – a Sala sono stato bene, la società, composta da grandi persone, non mi ha fatto mancare mai nulla. Da un punto di vista tecnico credo che sarà una bellissima partita tra due ottime squadre”.

Arriva un’avversaria che ha incontrato delle difficoltà lungo il cammino ma che grazie al successo sulla Lazio è in ripresa. “Tutti noi conosciamo il valore dei giocatori che compongono la rosa del Sala Consilina. Sono ottimi elementi. Hanno attraversato un momento poco felice ma la partita giocata con la Lazio ha dimostrato che sono in ripresa. Ci aspetta una battaglia sportiva, dovremo essere bravi ad interpretarla al meglio. Ci siamo allenati duramente in settimana curando tutto nei minimi dettagli, ci faremo trovare pronti”.

L’ultima gara giocata e vinta da voi con la Lazio vi ha permesso di arrivare in coppa Italia esaltando le qualità di un grande gruppo. “Quando sono arrivato a Campobasso ho capito subito che questa squadra ha nel gruppo la sua arma migliore. Lavoriamo in armonia e ci aiutiamo l’uno con l’altro. Questo fa la differenza. La strada intrapresa è quella giusta, continuando nel nostro lavoro potremo toglierci delle grandi soddisfazioni”.

Dal punto di vista personale hai garantito qualità ed esperienza alla squadra andando anche a bersaglio in più circostanze. Dove si potrà arrivare secondo te? “Sono felice di aver segnato ma quello che conta di più è il risultato di squadra. Stiamo facendo grandi cose, abbiamo centrato il pass per la Coppa Italia che rappresenta un grande obiettivo ma sono convinto che anche in campionato possiamo fare delle grandi cose. Continuando su questa strada, partita dopo partita, possiamo pensare anche ai playoff”.

Potrebbe interessanti anche:

Calcio, Lega Pro, in attesa del semaforo verde, il Campobasso opera sul mercato. Bontà si allontana dai rossoblu

Alle sirene sull’iscrizione a rischio, riportate da Youtv di Recanati, il Campobasso ha ri…