A Poggio Sannita non si estingue la polemica riguardo la celebrazione del Giorno della Memoria. Secondo il punto di vista del Consigliere Tonino Palomba, infatti, la ricorrenza del 27 gennaio scorso è stata manchevole di un giusto ricordo nel Comune altomolisano.

Il capogruppo dell’opposizione in Consiglio Comunale aveva evidenziato proprio nelle scorse ore le “disattenzioni inammissibili e incomprensibili che concorrono ad accrescere il decadentismo culturale, sociale e morale del paese ed il depauperamento di valori tipicamente caccavonesi“. Disattenzioni celebrative che, come riportato da Palomba, l’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Giuseppe Orlando avrebbe commesso anche in altre occasioni come “il Giorno del ricordo delle Foibe, l’anniversario della Liberazione, la festa del Lavoro, la festa della Repubblica, Festa dell’Unità Nazionale e delle Forze armate 4 Novembre“.

Tali constatazioni non sono state viste di buon occhio dall’Assessore Lucietta Amicone che, in un commento su Facebook, ha replicato a Palomba: “Per ricordare un giorno così triste non credo sia significativo scrivere qualcosa sui social. Secondo me, la giornata deve essere ricordata con i fatti. Io la penso così e chiaramente faccio diversamente. La visibilità non serve.

Polemiche che, secondo l’esponente di maggioranza, “lasciano il tempo che trovano, vale a dire zero“.

Potrebbe interessanti anche:

Tragico incidente a Poggio Sannita: uomo di Agnone muore investito dalla sua auto

Tragico e sfortunato incidente nell’agro di Poggio Sannita. Un anziano di Agnone si era so…