“Nonostante il grido di allarme e i ripetuti appelli delle imprese impegnate nella ricostruzione post sisma 2002, i pagamenti sono fermi e non si ha nessuna certezza sul trasferimento della tranche di 13 milioni di euro da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, atteso da settimane. Una situazione inaccettabile che pone sull’orlo del fallimento numerose imprese, impedendo alle persone di rientrare nelle proprie case dopo ancora venti anni”. Cosi’ la capogruppo del Pd in Consiglio regionale, Micaela fanelli, annunciando una interrogazione al presidente della Regione, Donato Toma. “Non bisogna infatti dimenticare – osserva – che il settore edile in Molise rappresenta il comparto che raccoglie la maggior parte dell’occupazione nella regione e di rimando contribuisce notevolmente al Pil regionale”. Nell’interrogazione si chiede di conoscere lo stato di fatto della ricostruzione post-sisma, in sostanza le opere finanziate e lo stato di liquidazione delle stesse ad oggi, e di conoscere i motivi dei ritardi nei pagamenti lamentati dalle imprese edili.

Potrebbe interessanti anche:

Pastore lascia momentaneamente il Pronto Soccorso del Veneziale: “Costretto ad allontanarmi da girone infernale”

Per almeno due settimane il Pronto Soccorso del Veneziale di Isernia rimarrà senza il suo …