“Ho appreso con preoccupazione le notizie circa l’operazione della Questura di Campobasso che ha portato a denunciare 11 minorenni per atti di violenza e intimidazione nei confronti di coetanei e di persone adulte. Cio’ conferma come anche una regione apparentemente tranquilla come il Molise non sia immune dal fenomeno del bullismo” dichiara in una nota la Garante regionale dei Diritti della persona in Molise, Leontina Lanciano . “Si tratta di una problematica che, in veste di Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, sto attenzionando da tempo in maniera dettagliata. Tale impegno ha portato, tra l’altro, alla realizzazione del libro ‘Bullismo e Cyberbullismo – Conoscere, informare, formare’, realizzato in collaborazione l’Ufficio Scolastico Regionale e all’Universita’ degli Studi del Molise”. Tuttavia, aggiunge Leontina Lanciano, “i fatti odierni sembrano indicare un innalzamento del grado di allarme sociale, dal momento che non si tratterebbe di episodi isolati ma, secondo quanto riferito dagli organi d’informazione, di una vera e propria baby gang”. Alla luce di quanto accaduto, “ritengo che l’attivita’ di sensibilizzazione e contrasto al bullismo vada potenziata. Da parte mia, cerchero’ di intensificare gli incontri nelle scuole, che non sono stati mai interrotti neanche durante la pandemia, per poter proseguire un proficuo confronto con gli studenti e il lavoro in sinergia con le istituzioni scolastiche”. “Accanto a tale attivita’ reputo necessario un celere ripristino dell’Osservatorio regionale sui minori. Riattivazione che avevo gia’ promosso nei mesi scorsi in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche sociali della Regione Molise e il Dipartimento di Scienze sociali dell’Universita’ degli Studi del Molise. Poter disporre di uno strumento come l’Osservatorio sui minori rappresenterebbe un prezioso supporto a tutte le attivita’ inter-istituzionali, consentendo di definire con maggiore accuratezza le strategie e le iniziative da intraprendere congiuntamente”.

Potrebbe interessanti anche:

“Bentornata Gardensia”, fermiamo la sclerosi multipla con un fiore. L’invito del responsabile regionale Gino Donatelli di Trivento

“Bentornata Gardensia”, fermiamo la sclerosi multipla con un fiore. L’invito del responsab…