Il Governo ha previsto un indennizzo per chi ha riportato danni a causa della vaccinazione anti Sars-CoV2.
“Il Governo –  ha spiegato l’Avvocato Mescia – ha stanziato 50 milioni di euro per l’anno 2022 e 100 milioni di euro a decorrere dall’anno 2023.”
Il legale si occupa da molti anni di indennizzi per danni da vaccino ed ha maturato un elevato livello di specializzazione in materia.
“Un consolidato orientamento della Corte Costituzionale – ha chiarito Mescia – aveva già equiparato le vaccinazioni raccomandate, come quella anti-Covid, a quelle obbligatorie. La nostra costituzione prevede in definitiva la possibilità di obbligare il cittadino a un trattamento sanitario per la tutela della salute pubblica purché lo Stato si faccia carico di eventuali danni derivanti dal trattamento imposto.”
“L’indennizzo estende la tutela già prevista dalla L. 210/92 e spetta a tutti coloro che hanno riportato lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psicofisica, a causa della vaccinazione anti-Covid e – ha concluso Quirino Mescia –  non solo ai soggetti appartenenti alle categorie sottoposte ad obbligo (medici, forze dell’ordine, dipendenti pubblici, ultra50enni)”.

Potrebbe interessanti anche:

“Bentornata Gardensia”, fermiamo la sclerosi multipla con un fiore. L’invito del responsabile regionale Gino Donatelli di Trivento

“Bentornata Gardensia”, fermiamo la sclerosi multipla con un fiore. L’invito del responsab…