Il Consiglio Comunale di Campobasso, nel corso della seduta pomeridiana di quest’oggi, ha votato favorevolmente e all’unanimità, per l’attribuzione della cittadinanza onoraria al musicista Giuseppe Henry Palladino, detto Pino, di origini molisane e di padre campobassano, proposta dal consigliere del MoVimento 5 Stelle, Nicola Simonetti, all’attenzione prima della Commissione Cultura e poi del Consiglio Comunale

“Giuseppe Henry Palladino è un musicista di rilevanza internazionale, con una lunga ed ancora attuale carriera, svolta tutta lontano dalla sua terra di origine, terra alla quale resta tutt’ora fortemente legato. – ha detto il consigliere Simonetti nel presentare la sua proposta di cittadinanza onoraria – Giuseppe Henry Palladino, detto Pino, è un bassista, cantautore e produttore discografico britannico, molto attivo nel panorama del rock e del soul internazionale, noto soprattutto per la sua militanza nella band The Who.”

Nato in Galles il 17 ottobre 1957 da papà Umberto, campobassano, e Ann, madre gallese, Giuseppe Henry Palladino si avvicinò al basso elettrico sin da giovane e nel 1980 entrò nel gruppo di Jools Holland partecipando alla registrazione dell’album “Jools Holland and the Millionaires”. Negli anni ottanta, Palladino ottenne la notorietà suonando il basso fretless con molti artisti come Gary Numan, Paul Young, David Gilmour, Tears for Fears, David Knopfler e Don Henley. Negli anni novanta suona con Melissa Etheridge, Rick Wright, Pino Daniele (nell’album “Bonne soirèe”,1987) Pino Mango, Raf, Claudio Baglioni (nell’album “Oltre”), Elton John, Eric Clapton.

Nel 2000 partecipa alla realizzazione dell’album “Mama’s Gun”, di Erykah Badu. Nel 2001 collabora con Zucchero Fornaciari nella realizzazione dell’album “Shake” dell’artista emiliano. Nel 2002 figura fra gli strumentisti accreditati nell’album “Charango” del gruppo musicale britannico Morcheeba. Nello stesso anno diviene membro dei The Who dopo la prematura scomparsa di John Entwistle. Ha suonato con la band inglese per tutti gli anni a seguire in numerosi live. Insieme a Phil Collins, ha fatto parte della formazione invitata a suonare per la festa dei cinquant’anni di regno della regina Elisabetta II, con Paul McCartney, Eric Clapton, Cliff Richard e Tony Bennett. Nel 2003 ha suonato con Simon and Garfunkel nel loro tour Old Friends. Nell’estate del 2005 Palladino è stato in tour con Jeff Beck, accompagnandolo in numerose date internazionali. Dalla sua formazione, nel 2005, è membro del John Mayer Trio (formato da John Mayer, Steve Jordan e Palladino).

“Lo scorso anno Palladino ha subito la perdita del caro papà Umberto, al quale ha voluto dedicare un brano dal sapore tutto molisano e familiare, intitolato “Man From Molise”, contenuto nell’album musicale “Notes Whit Attachmentes” suonato con il grande Blake Mills. Con la sua terra Palladino – ha spiegato Simonetti – ha ancora oggi un legame mai sciolto, soprattutto con i suoi familiari presenti a Campobasso con i quali ha un rapporto forte e costante che alimenta di continuo anche la sua arte e la sua professione e che è sempre stato orgoglioso di dichiarare pubblicamente.”

Il Consiglio Comunale, accogliendo la proposta fatta dal consigliere Simonetti, ha dato così mandato al sindaco e alla Giunta di attivare tutte le procedure per poter concedere a Palladino, in occasione del suo 65° compleanno, il 17 ottobre del 2022, la cittadinanza onoraria della città di Campobasso, attraverso una cerimonia da svolgersi in presenza nel corso di una seduta del Consiglio Comunale da organizzare in suo onore.

“La cerimonia di consegna dell’onoreficenza – ha detto in conclusione Simonetti – potrà rappresentare lo spunto per chiedere a Palladino di tenere una perfomance musicale presso il Teatro Savoia, con la collaborazione di validi partner, ospitando giovani chitarristi/bassisti e giovani gruppi rock, in occasione di una serata musicale dedicata, dove lui stesso, potrà, esibirsi eseguendo anche il brano strumentale dedicato al papà campobassano.”

Potrebbe interessanti anche:

“Bentornata Gardensia”, fermiamo la sclerosi multipla con un fiore. L’invito del responsabile regionale Gino Donatelli di Trivento

“Bentornata Gardensia”, fermiamo la sclerosi multipla con un fiore. L’invito del responsab…