Durante il fine settimana appena trascorso, i carabinieri delle Compagnia di Termoli  hanno effettuato numerosi controlli sul territorio di competenza, con la finalità di assicurare l’ordine e la sicurezza pubblica e, in particolare, di prevenire e reprimere i reati contro il patrimonio e le violazioni della vigente normativa in materia di “Covid-19”.
Con particolare riferimento alle verifiche su strada, sono stati sottoposti a controllo 114 veicoli, identificate 272 persone, effettuate 11 perquisizioni d’iniziativa tra personali, veicolari e domiciliari, elevati diversi verbali per accertate infrazioni al Codice della Strada per un importo complessivo pari a circa 1.400 euro, sequestrati 2 autoveicoli e ritirata 1 patente di guida.
Nell’ambito dei controlli sul rispetto delle normative anti “Covid-19” si è inoltre proceduto a svolgere verifiche presso 21 attività commerciali e ricettive, elevando 2 sanzioni amministrative per un importo complessivo pari a 1.000 euro.
Sempre nell’ambito del medesimo contesto operativo, inoltre, i Carabinieri della Stazione di Montecilfone, nel corso di un servizio perlustrativo di controllo del territorio, hanno rinvenuto in una zona periferica di campagna un veicolo rubato alcuni giorni prima in agro di Petacciato e denunciato come oggetto di furto dall’intestatario presso il locale Comando dell’Arma. Il mezzo pertanto, dopo gli adempimenti del caso, è stato restituito al legittimo proprietario.
Quanto complessivamente fatto in questo fine settimana dimostra ancora una volta quanto importante sia l’attività di costante ed attento controllo svolta dall’Arma dei Carabinieri sul territorio al fine di garantire, a tutti i cittadini, una migliore qualità
della vita in un contesto di rispetto, sia della legalità che delle buone regole della civile convivenza.

Potrebbe interessanti anche:

“Bentornata Gardensia”, fermiamo la sclerosi multipla con un fiore. L’invito del responsabile regionale Gino Donatelli di Trivento

“Bentornata Gardensia”, fermiamo la sclerosi multipla con un fiore. L’invito del responsab…