I Carabinieri per la Tutela Forestale, in particolare dei Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale, nell’ambito di una campagna di controllo hanno effettuato, nei mesi di ottobre e novembre scorsi, sopralluoghi ispettivi presso frantoi ed esercizi commerciali della grande distribuzione.
I militari si sono recati in 30 frantoi e 5 ipermercati, ripartiti all’interno di tutte le province abruzzesi e molisane, riscontrando numerose irregolarità relative alla tenuta dei registri, all’utilizzo delle acque di vegetazione ed alla presentazione delle indicazioni obbligatorie in etichetta, in violazione al Regolamento comunitario.
Le infrazioni rilevate, che non attengono alla salubrità degli alimenti, hanno riguardato principalmente: omesse o tardive comunicazioni, irregolari modalità di stoccaggio di sanse e difformità nell’utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione, mancata indicazione dell’origine dell’olio ed etichettature.
Sono stati contestati 23 illeciti di natura amministrativa, per un importo complessivo di oltre 40 mila euro.

Potrebbe interessanti anche:

“Bentornata Gardensia”, fermiamo la sclerosi multipla con un fiore. L’invito del responsabile regionale Gino Donatelli di Trivento

“Bentornata Gardensia”, fermiamo la sclerosi multipla con un fiore. L’invito del responsab…