Il famigerato protocollo anti Covid è stato redatto e deve ricevere il placet del comitato tecnico scientifico. Coinvolto il mondo dello sport, dal calcio al volley passando per il basket. L’obiettivo comune è quello di proseguire e, se possibile, convivere con il virus che non molla la presa. Nella bozza viene fissato un nuovo punto rilevante: al raggiungimento di una certa soglia di atleti contagiati, la partita sarà rinviata. L’asticella è stata fissata al 35% di tesserati positivi presenti in rosa. Dunque, per rendere l’idea, in un organico di 34 atleti, con undici positivi, la partita si potrà giocare. Oltre questo limite, la gara da disputare può essere soggetta a rinvio. Certamente una soglia elevata.
Altra novità riguarda l’espressione “ gruppo squadra” che è da intendere senza l’inclusione dei calciatori primavera. A tal proposito, va ricordato che in un primo momento la lega di serie A aveva inglobato nell’ambito dei calciatori non positivi anche quelli del campionato primavera. Qualora un atleta dovesse entrare in contatto con un altro positivo, allora varrebbero le nuove norme che prevedono un periodo di autosorveglianza di cinque giorni prima di un tampone da effettuare alla scadenza di detto periodo. Le decisioni in oggetto, nei loro punti essenziali, sono state approvate e saranno finalizzate a gestire in maniera più agevole, nei limiti del possibile, i casi di positività nello sport e, soprattutto, a mandare avanti l’attività agonistica tutelando, nel contempo, la salute degli atleti. La bozza è stata definita dal governo dopo il vertice con il Coni e federazione calcio, basket e volley. Importante sarà il prossimo step, cioè l’approvazione da parte del comitato tecnico scientifico.

Potrebbe interessanti anche:

Calcio, Eccellenza, sold out le presenze al Poce di Riccia per Campobasso – Gambatesa. Firma il classe 2004 Lombari

Dopo una telenovela di qualche ora, si è giunti a stabilire la sede di Campobasso – …