Per il centro di apprendimento il Gemello di Einstein sarà un 2022 ricco di novità. La prima in ordine di tempo è la collaborazione instaurata con l’Istituto Comprensivo Sant’Antonio di Padova di Campobasso, del Presidente Padre Lino Jacobucci e del direttore Erika Cieri, per curare il doposcuola, per l’anno scolastico 2022/2023. Le attività vedranno coinvolti tutti gli alunni dai 6 anni in su. Il doposcuola diventa un’occasione per un lavoro educativo ad ampio raggio, dove i bambini verranno seguiti dai professionisti del centro, che affiancheranno il personale scolastico anche al mattino. La neuropsicologa Eliana Di Palma e la logopedista Antonietta Di Ioia svolgeranno quatto attività: il laboratorio emozionale, il laboratorio sul potenziamento dei prerequisiti comunicativo – linguistici, il laboratorio di potenziamento dell’attenzione e dell’autoregolazione e il laboratorio sui prerequisiti metafonologici-linguistici all’apprendimento di letto-scritto e calcolo. Gli alunni verranno coinvolti in attività di gruppo, per loro sarà una nuova opportunità di scoperta, sperimentazione, racconto e divertimento. La collaborazione con l’Istituto Comprensivo Sant’Antonio di Padova di Campobasso si inseriscono in un inquadramento pedagogico globale che amplia l’offerta formativa della scuola e del centro venendo così incontro alle necessità delle famiglie ed ai bisogni dei più piccoli. Il doposcuola non rappresenta un tempo aggiuntivo alle classiche ore di lezione ma costituisce un momento complementare che sostiene e arricchisce i percorsi di crescita per l’età evolutiva. I laboratori saranno utili per riconoscere eventuali punti di debolezza e valorizzare quelli di forza.
Il Gemello di Einstein è specializzato nei Disturbi dell’apprendimento (DSA), ma il centro è aperto a bambini e ragazzi che non hanno una difficoltà specifica e vogliono essere accompagnati e supportati nel percorso di studi.

Fonte: Ufficio stampa

Potrebbe interessanti anche:

Asrem, “Percorso Azzurro Lilt For Man”: campagna per la prevenzione dei tumori maschili

Anche quest’anno l’ASREM partecipa alla campagna nazionale di prevenzione dell…