Ufficiale il rinvio anche della terza di ritorno in Lega Pro. Era facile attendersi un esito del genere dopo le dichiarazioni del presidente Ghirelli che sui social si è espresso cosi’: “Rinviata terza giornata Serie C dal 16.1.2022 al 23.2.2022: rispetto della salute e regolarità del campionato, stesse condizioni per tutti i club. Praticamente abbiamo fatto una “bolla” di circa 15 giorni per diminuire i livelli di contagio, impedito spostamenti ed assembramenti”, ha scritto Ghirelli sul proprio profilo Twitter.  La Lega Pro intende tutelare la salute e anche se stessa a fronte di un ampliamento dei contagi. Ma, va detto, servirebbe pensare in prospettiva futura. Nessuno ha sfera di cristallo per sapere la curva a che punto sarà dopo la metà di gennaio. Sta di fatto che, in tale ottica, potrebbe essere rivisitato il protocollo per agevolare la regolare disputa delle gare. La stessa Lega Pro ha determinato di collocare la terza di ritorno il ventidue febbraio lasciando cosi inalterata la data di conclusione del campionato. Dunque, gennaio avaro di turni ( in totale solo due), mentre febbraio avrà un menu ricchissimo. Al già programmato turno infrasettimanale del sedici febbraio se ne aggiungono altri due non previsti dovuti ai rinvii. In ventotto giorni, si giocheranno ben sette partite. In media, una gara ogni quattro giorni. Il Campobasso sarà chiamato a quattro impegni interni e tre in esterno esattamente a Taranto da recupero, Pagani e Bari. In pratica, la prospettiva ed il pensiero di società e addetti ai lavori è già rivolta a febbraio quando, in linea di massima, si potrebbe avere un quadro piu’ definito della situazione in vetta ed in coda.

La società rossoblu ha inteso diffondere una nota stampa in cui ha confermato la presenza di cinque calciatori positivi al covid. I giocatori, regolarmente vaccinati, sono stati posti in isolamento. L’intera squadra effettuerà un nuovo giro di tamponi nella giornata di lunedi 10 gennaio. Così chiude la nota stampa del Campobasso. Società che starebbe ricevendo delle richieste dal Mantova per l’attaccante Emmausso, stando alle ultime cronache. Sarà un mercato fatto prevalentemente di scambi, ha sottolineato il ds De Angelis. Un mercato non fitto da parte del Campobasso, ma mirato. Chi ha faticato a entrare nelle dinamiche della squadra, sarà destinato a lasciare il Molise da qui a qualche giorno. A proposito di offerte eclatanti, il Sassuolo avrebbe messo sul piatto due milioni e mezzo di euro per l’attaccante Luca Moro, oggi in prestito al Catania e di proprietà del Padova. Cifre che rendono l’idea di come il Sassuolo punti forte sin da subito sull’acquisizione dell’attaccante

Potrebbe interessanti anche:

Calcio, Campobasso all’opera per rafforzare la società. In serie D domenica play out per il Vastogirardi

Il nome del nuovo allenatore del Campobasso è atteso nel giro di dieci giorni, per l’inizi…