Il recupero della piena autonomia regionale passa anche dal superamento della fase commissariale. A dirlo, a margine della giornata che il Consiglio regionale ha dedicato proprio al tema dell’autonomia ed a quello del regionalismo, è il presidente della Regione, Donato Toma. Una affermazione che, dato il ruolo di Commissario ad acta per la Sanità, esercitato dallo stesso Toma, assume ancora maggior peso. Va ricordato con l’arrivo del 2022 ci troveremo nel quindicesimo anno di piano di rientro e nel tredicesimo di commissariamento. Un’esperienza che anziché risolvere i problemi, ha finito per inasprirli, con una voragine debitoria ingestibile, una riduzione progressiva delle prestazioni con relativa chiusura di ospedali e reparti.

Per Toma sono maturi i tempi per un ritorno alla normalità che passa però attraverso un decreto Molise col quale il Governo, al pari della Calabria, ponga fine alla questione debitoria.

Il tema sanità, nel tempo, è stato sempre collegato a quello dell’autonomia. Basti pensare che l’80% del bilancio regionale è assorbito proprio dal Comparto Sanità. A più riprese, e con accenti differenti, il Consiglio regionale, Costituzione alla mano, ha sempre rivendicato la propria autonomia in materia.

Potrebbe interessanti anche:

Ecco il fitto calendario elettorale che ci porterà alle urne: domenica e lunedì la presentazione delle liste

Una corsa contro il tempo con scadenze che non sono mancate neanche a Ferragosto. Le prime…