Nella giornata di ieri, 16 dicembre 2021, l’UNESCO ha riconosciuto la “cerca e cavatura del tartufo” quale patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

Un riconoscimento che ha emozionato tantissimi appassionati e anche i Sindaci dei territori interessati dalla raccolta del prezioso “oro nero”. Tra di loro anche Simona De Caprio, Sindaca di San Pietro Avellana, che si è recata a Roma per celebrare la decisione UNESCO.

Ieri a Roma, presso il Ministero dei Beni Culturali, ho partecipato, in qualità di prima cittadina di San Pietro Avellana e Vicepresidente dell’Associazione “Città del Tartufo”, alla cerimonia relativa al riconoscimento della cerca e cavatura del tartufo come patrimonio culturale immateriale dell’umanità. Presenti, insieme ad altri membri dell’associazione legata al tartufo, anche il Presidente Michele Boscagli e la Sottosegretaria del Ministero alla Cultura sen. Lucia Borgonzoni

Il risultato raggiunto rappresenta un motivo di grande soddisfazione sia per la comunità di San Pietro Avellana e sia per le generazioni future. Il riconoscimento è legato alle pratiche e alle tradizioni di cerca e cavatura del tartufo, senza le quali non ci sarebbero la filiera, lo sviluppo economico dei territori interessati e la ristorazione dedicata. – ha spiegato la De Caprio – Si tratta di un titolo di cui noi cittadini sanpietresi andiamo orgogliosi. 

Il ringraziamento per l’obiettivo centrato, oltre che a tutti i cittadini, va all’Amministrazione guidata da Igino Silvestri che ha permesso diversi anni fa al nostro Comune di far parte dell’Associazione “Città del Tartufo” la quale, con impegno costante, ci ha portati a raggiungere tali risultati. Non si tratta di un riconoscimento ottenuto per merito di un singolo, ma si tratta di un riconoscimento ottenuto, a seguito di grande impegno, a livello di Associazione.  – conclude la Sindaca – Un risultato che va a coronare il lavoro partito dalla lungimiranza dell’Amministrazione Silvestri, di cui faceva anche l’attuale Vicesindaco Peppino Carlini.

Potrebbe interessanti anche:

Dopo due anni di stop dovuto alla pandemia, l’associazione Notti Mediterranee di Roccavivara presenta il programma delle iniziative 2022

Dopo due anni di stop dovuto alla pandemia, l’Associazione Notti Mediterranee di Roccaviva…