La Pontificia Fonderia delle Campane “Marinelli” di Agnone costituisce ormai da anni un bellissimo biglietto da visita per la cittadina altomolisana e per la Regione tutta.

Le campane prodotte dalla famiglia agnonese sono apprezzate e presenti in gran parte del mondo. Talmente famose da essere attenzionate anche dal quotidiano americano “The New York Times” che ha dedicato un intero articolo alla Fonderia, parlando della sua storia e dei protagonisti che di generazione in generazione plasmano le creazioni artistico-musicali.

Un motivo di grande orgoglio per tutta la nostra comunità. – ha commentato il Sindaco Daniele Saia – Siamo davvero grati alla famiglia Marinelli perché contribuisce ogni giorno a far conoscere la nostra cittadina in tutto il mondo grazie alle sue campane, vere e proprie opere d’arte apprezzate da tutti.”

 

 

Potrebbe interessanti anche:

Rievocazione storica ad Agnone: tornano le lavandaie dei lavatoi

Ad Agnone arriva una nuova rievocazione storica. Il Comitato di Quartiere “Agnone Ce…