Campobasso – Catanzaro rappresenta uno step importantissimo per la stagione dei lupi. Il momento è sicuramente il più difficile da inizio stagione, la vittoria manca da quasi due mesi (20 ottobre 3 a 2 a Torre del greco) e il morale non è dei migliori dopo la brutta sconfitta di Vibo Valentia. Settimana pesante con tanta voglia di riscatto per la squadra di Cudini, l’imperativo è resettare tutto per concentrarsi al massimo sul Catanzaro, un avversario forte e reduce dal successo maturato contro il Foggia. La scossa in casa giallorossa è arrivata, Vivarini ha vinto la sua prima gara sulla panchina calabrese con l’obiettivo di risalire la classifica. A dire il vero il Catanzaro è sempre stato nelle prime posizioni, tra il secondo ed il quinto posto. La società scontenta dell’operato dell’ex tecnico Antonio Calabro ha voluto cambiare con l’obiettivo di scalare la graduatoria. Il Bari è lontano, difficile ipotizzare una rimonta, molto concreta la possibilità di chiudere al secondo posto per piazzarsi al meglio in ottica play off. I giallorossi non si nascondono e sono pronti per cercare il bottino pieno al Selvapiana. Vivarini ha schierato i suoi con un 3-5-2, Bombagi e Welbeck i cervelli della mediana, Vandeputte il cursore esterno di maggior qualità, in avanti Vasquez e Cianci sono stati preferiti a Carlini e Curiale, subentrati nella ripresa contro il Foggia. Un reparto avanzato di altissima qualità che può vantare 4 attaccanti di primissimo piano. Insomma la sfida sarà davvero ardua per i lupi, anche in considerazione di un ruolino interno che vede solo 7 punti raccolti nelle 9 gare giocate al Selvapiana, quella contro il Catanzaro sarà l’ultima sfida interna del girone d’andata, mentre il 2021 si chiuderà il 22 dicembre, nell’infrasettimanale interno contro l’Avellino.

Vivarini

In casa rossoblu mister Cudini valuta il possibile recupero di Menna, assente dal 30 ottobre, il difensore centrale sarà valutato in queste ore e potrebbe rientrare nell’elenco dei convocati. Sicuri assenti Di Francesco e Dalmazzi, per il primo si è scelta giustamente la via della cautela dopo due infortuni muscolari, il secondo convive con un’infiammazione al pube davvero fastidiosa. Il difensore centrale sta meglio dopo due settimane di stop ma non recupera per la gara contro i calabresi. Possibile che il tecnico possa optare per il cambio modulo, in due circostanze contro Turris e Foggia, i lupi sono scesi in campo con il 3-4-3 rispetto al 4-3-3 classico. Per uomini e per esigenze di avversario le scelte di Cudini hanno ripagato con 4 punti in queste due gare, motivo per il quale il tecnico potrebbe modificare qualcosa nello schieramento tattico. Campobasso aggrappato a Rossetti, il centravanti di movimento è senza dubbio il giocatore più importante della squadra, abile sia nel realizzare che nel servire i compagni. La punta siciliana cerca il gol che manca dalla trasferta contro il Latina. Nel complesso l’importante è portare a casa il risultato, siamo certi che i lupi giocheranno una grande gara al cospetto di una delle squadre più forti del girone C.

Potrebbe interessanti anche:

Calcio a 5, A2, Cln Cus Molise, sesta vittoria consecutiva contro la Real Dem. Domenica a Pescara si chiude il girone di andata

CLN CUS MOLISE             14 REAL DEM                          1 (4-1 primo tempo) Cln Cu…