Oggi 8 dicembre si accendono le luci dell’albero di Natale ad uncinetto: ormai un elemento architettonico del borgo di Trivento. “L’albero di Natale ad uncinetto di Trivento si illuminerà di nuovo oggi 8 dicembre, a partire dalle ore 17.00,  e tornerà nella sua veste migliore, rinnovato di luce ed energia – fa sapere il presidente dell’associazione “Un Filo che Unisce”, Michela Anziano – La sua “vestizione” è stata possibile grazie alle uncinettine e alla disponibilità della società Edil Cos del Futuro 2 SC di Trivento, che ha reso possibile la sistemazione delle piastrelle sulla struttura metallica dell’albero, già realizzata dalla ditta Fratelli Minichillo Snc. Si riveste a festa l’albero, per la gioia di chi con le proprie mani ha creato un’opera artistica partecipata, di chi vede rafforzata, in un lavoro collettivo, la propria identità culturale, la propria storia personale, di chi crede in un evento che sia di buon auspicio. Ogni piastrella racconta una storia che si unisce alle altre in un percorso di crescita comune. Quest’anno solo l’uncinetto nella sua essenzialità, nessuna cornice, il filo si intreccia nel suo procedere dinamico in tante relazioni emotive laddove c’è e ci sarà attenzione, cura e un po’ di tempo libero alla costruzione di una città vissuta, partecipata e condivisa. L’albero di Trivento, ormai considerato un elemento architettonico del borgo – aggiunge Anziano – in virtù della notorietà acquisita, vuole porre l’attenzione sul contenuto di autenticità, qualità e tipicità di un prodotto artistico locale. Un’immagine che ha determinato un processo autonomo di connessioni empatiche tra gli individui di una comunità come Trivento ed il mondo social, in grado di “elevare” il piccolo Molise “inesistente” a un livello di “pregnanza” affettiva e culturale. Il rinvio ad un’esperienza emotiva o affettiva e non semplicemente ad un prodotto-oggetto si completa con il lavoro particolareggiato del presepe rigorosamente ad uncinetto, che in una ottica di valorizzazione del territorio e del patrimonio artistico culturale sarà installato nella Cripta di San Casto per un percorso emozionale alla riscoperta dell’antica Trivento. A completare l’esposizione ci saranno lampade e stelle ad uncinetto come forma di sperimentazione creativa e di riciclo. Le stelle realizzate con sarmenti di vite rappresentano il perfetto incontro tra l’dea del riuso creativo e mani laboriose. L’intento di diffondere l’uncinetto come arte – chiude Michela Anziano – e promuovere la creatività nel tessuto sociale si concretizza inoltre nello scambio di piastrelle tra le diverse comunità che quest’anno realizzeranno l’albero ad uncinetto come quello di Trivento. Granny square che saranno identificative per ciascun territorio coinvolto nel progetto 2021”.

 

 

Potrebbe interessanti anche:

Incidente sulla Bifernina, oggi l’autopsia sul corpo di Alessandro Palazzo

E’ stato conferito all’anatomopatologo Massimiliano Guerriero l’incarico di effettuare l’a…