All’anagrafe classe 1978. Sul campo classe da vendere. Michele Marro torna ad indossare le scarpette da futsal e lo farà con la Frenter Larino. Il bomber tascabile, che non ha bisogno di particolari presentazioni, è uno dei migliori talenti espressi dal movimento regionale. Un palmares che conta: sette promozioni dalla serie C alla B, tre salti di categoria in serie A, quattro Coppa Italia in bacheca, Final four e Final Eight di serie A2 e Final Eight serie B, per tre stagioni eletto miglior giocatore molisano. Dopo tutti questi successi ad inizio stagione l’annuncio dell’addio al campo per ricoprire un ruolo dirigenziale all’interno della società del Circolo La Nebbia Cus Molise in Serie A2, che lo ha visto protagonista nelle ultime stagioni sempre sui campi nazionali. Marro ci ha provato ad abbandonare la divisa da gioca, ma il richiamo del campo è stato più forte. Michele Marro ha firmato con la Frenter Larino, maglia numero 7 per lui. Un colpo di mercato che rinforza notevolmente la rosa a disposizione di mister Di Cuia e rilancia le ambizione della società larinese oggi a quota 13punti,  al centro della classifica dopo 7 giornate di campionato.

Le prime dichiarazioni del numero 7 bianconero

Cosa si prova a 43 anni a tornare in campo e rimettersi in gioco?

Dopo due anni di serie A2 con il Cus Molise, visti i tanti impegni che richiede una squadra quasi professionistica avevo annunciato il mio addio al gioco. Ho provato a smettere, ma purtroppo è ancora troppo presto.  Mi mancano le gare ufficiali, vivere lo spogliatoio e provare ancora a quest’età quell’adrenalina pre partita.

Perchè la Frenter Larino? Le offerte non mancavano…

Avevo bisogno di qualcosa che mi facesse ritornare la voglia di rimettermi in gioco.  Dopo alcune proposte ho accettato di sposare la causa della Frenter Larino,  società giovane con tanta voglia di far bene in questo sport!

 Cosa ti ha spinto a rientrare nel Futsal e con quale mentalità ti proporrai nei confronti di questa società?

Umiltà, lavoro e sacrificio sono stati gli elementi che hanno contraddistinto la mia carriera. Metterò a disposizione di un gruppo così giovane la mia esperienza sia dentro che fuori dal campo.

 Obiettivi personali? E dove può arrivare questa rosa cosi ben amalgamata tra esperienza e valida gioventù?

Non mi sono mai posto obiettivi personali, dico solo che ce la metterò tutta per ricambiare la fiducia e la stima che mi è stata dimostrare. Ad oggi ho svolto solo un allenamento e l’accoglienza è stata eccezionale da parte di tutto l’ambiente. Seguo il campionato regionale e la Frenter Larino mi aveva già stupito. Ci sono tutti i presupposti per fare un campionato tranquillo e non mancheranno le soddisfazione. Possiamo puntare tranquillamente ai playoff.

 

Fonte Ufficio stampa

Potrebbe interessanti anche:

Calcio, Lega Pro, per i lupi prossimo step ad Andria. Zeman prolunga il contratto a Foggia

Sul cammino dei rossoblu l’Andria che, obiettivamente, vive un periodo molto peggiore risp…