Il tema delle assunzioni rappresenta la questione centrale del sistema sanitario regionale. In Consiglio regionale le mozioni che si propongono di individuare una soluzione si susseguono ad ogni seduta: Cefaratti, Fanelli, Iorio, Romagnuolo sono i nomi dei consiglieri che hanno presentato atti di indirizzo in tal senso, tesi ad impegnare il presidente commissario, Donato Toma.

L’Azienda Sanitaria Regionale ha da tempo varato il piano assunzionale 2021/2023 prevedendo l’arruolamento di 912 unità tra medici, infermieri, operatori socio – sanitari e personale amministrativo; un piano che però resta al palo per via della mancata adozione da parte del Commissario ad acta Toma. Dal sindacato Fials, che ha organizzato un presidio di lavoratori, arriva una domanda precisa al Commissario Toma: ci dica quando intende dare il via libera al piano assunzionale.

Da parte della Fials arriva anche una sollecitazione in vista della prossima legge di bilancio nazionale che prevede 90 milioni di euro per le stabilizzazioni del personale che ha prestato la propria opera nella fase acuta del Covid. In Molise rischiano di rimanere escluse quelle figure reclutate dall’Asrem a partita Iva. Come fatto da altre voci che si sono levate in tal senso, anche la Fials chiede che si intervenga con una modifica parlamentare.

La questione è ormai matura per essere definita entro fine mese, termine per l’approvazione del DDL Bilancio elaborato dal Governo nazionale.

Potrebbe interessanti anche:

Elezioni politiche 2022, l’affluenza alle urne a Isernia (ORE 19)

Proseguono le votazioni delle elezioni politiche 2022. Alle ore 19 a Isernia il dato dell&…