I carabinieri della Compagnia di Isernia, al termine delle indagini svolte in relazione al furto di oggetti per l’igiene, del valore di circa 200 euro, sottratti dagli scaffali di un esercizio pubblico isernino, hanno individuato i due cittadini extracomunitari, gravati da numerosi precedenti di polizia e provenienti da fuori regione, quali autori del reato.

I due malviventi erano entrati nell’attività commerciale, a volto scoperto, portando una borsa per la spesa particolarmente rigida che aveva insospettito il personale addetto alla vigilanza.

Alla richiesta di mostrare il contenuto della borsa i due, si erano dati alla fuga, riuscendo ad allontanarsi dal luogo con la refurtiva sottratta.

Dalla visione delle immagini del sistema di videosorveglianza dell’esercizio, i militari hanno individuato dapprima l’auto utilizzata dai malviventi, parcheggiata nei pressi dell’esercizio preso di mira.

Successivi accertamenti consentivano di far emergere che l’autovettura in questione era già stata più volte fermata per controlli con a bordo due uomini, risultati essere gli stessi autori del furto. A tale conclusione si è pervenuti confrontando sia le loro foto con quelle esistenti nelle banche dati in uso alle forze di polizia, sia grazie al riconoscimento eseguito con certezza dall’addetto alla vigilanza.

I due soggetti sono stati quindi denunciati a piede libero alla competente A.G. poiché ritenuti responsabili, in concorso, del reato di furto aggravato.

Potrebbe interessanti anche:

Incidente sulla Bifernina, oggi l’autopsia sul corpo di Alessandro Palazzo

E’ stato conferito all’anatomopatologo Massimiliano Guerriero l’incarico di effettuare l’a…