Possono dei cipressi scatenare discordia e infiammare il dibattito politico? La risposta è sì e la conferma arriva direttamente da Vastogirardi dove gli intenti del Sindaco Luigino Rosato relativi alla rimozione di tali alberi simbolici nei pressi del cimitero hanno attirato l’attenzione del Consigliere regionale Andrea Di Lucente che si è espresso in una nota.

Di seguito, le sue parole: “Il sindaco vuole rimuovere i cipressi piantati dalla stessa amministrazione due anni fa nei pressi del cimitero. Perché? Qual è la colpa dei cipressi? È presto detta: essere stati piantati su iniziativa dell’allora vicesindaco Filippo D’Aloiso. L’affronto che ha commesso? Essersi sfilato dalla maggioranza e aver pubblicamente segnalato tutte le inadempienze, i provvedimenti contrari alla legge e la cattiva gestione del sindaco Rosato. Quest’ultimo, tra un presunto abuso edilizio e un mancato pagamento di tasse, ha deciso che quei cipressi al cimitero proprio non possono starci. Come fosse casa sua e non il luogo in cui tutti i cittadini rendono omaggio ai propri cari defunti, ha deciso per tutti. Si devono eliminare.

Eppure due anni fa, quando l’amministrazione comunale volle piantarli, nessuna voce di dissenso si levò. E nemmeno per il periodo successivo. Dove è stato il sindaco per tutti questi anni? Perché, se è un problema così grande, non lo ha detto a tempo debito? Si è dimenticato pure che erano gli stessi consiglieri di maggioranza ad essersi incaricati di innaffiare le piantine. Dopotutto, abbellire i luoghi pubblici è uno dei compiti primari di una amministrazione. Improvvisamente (nemmeno tanto) il sindaco ha cambiato idea. La tempistica del provvedimento di rimozione degli alberi è talmente singolare da far venire qualche dubbio. È arrivata proprio a ridosso della delibera con la quale lo stesso Rosato ha dato mandato ad un avvocato di procedere contro D’Aloiso, lo stesso che ha pubblicamente segnalato tutte le irregolarità che in Comune fioccano. Tempo qualche giorno e dall’ufficio tecnico viene firmata la determina con la quale si chiede a D’Aloiso di abbattere gli alberi dal viale del cimitero. Una riflessione di tutti è d’obbligo.

Ai cittadini di Vastogirardi chiedo: è accettabile? È tollerabile un’offesa così grande ai nostri cari defunti? È normale che un sindaco usi i beni di tutti come fosse una cosa sua? Il caso dei cipressi è emblematico: un padre-padrone che agisce non per il bene della collettività è un sindaco che ancora vogliamo?  Mi rifiuto di credere che, per una ripicca personale o per azzittire il dissenso in consiglio, si colpisca l’interesse di tutti. Per il momento ad aver avuto la peggio sono i cipressi, ma la prossima volta cosa sarà, se l’intera comunità continuerà a stare zitta, accettando questo atteggiamento contrario alla tutela dei cittadini? È arrivato il momento di dire basta! Perché quel costo non è stato riconosciuto come debito fuori bilancio, così come da prassi in questi casi? L’accanimento nei confronti di D’Aloisio, arrivato a due anni di distanza e senza altre avvisaglie, è veramente incomprensibile. Ora è il tempo che non solo D’Aloiso apra gli occhi, ma lo facciano tutti i cittadini di Vastogirardi.

Potrebbe interessanti anche:

La Molisana acquista anche i locali tecnici dell’ex Zuccherificio

Era rimasto invenduto solo il lotto numero 3 dei 4 dell’ex Zuccherificio e oggi Past…