Ieri a Capracotta si è parlato di cambiamenti climatici e della vulnerabilità delle aree montane dell’alto Molise.
“Lo abbiamo fatto con i docenti della nostra Università che stanno effettuando degli studi specifici sul nostro territorio. Per noi è stata l’occasione per parlare del Laboratorio per la sostenibilità ambientale e dei primi risultati sulla qualità di alcune matrici ambientali.” – Queste le parole del Sindaco di Capracotta Candido Paglione a valle dell’evento Moving.
“L’idea che la marginalità può essere vista come una opportunità, in effetti, sta trovando conferma. Così come il concetto del valore socio-ecologico da utilizzare per i nostri territori e farlo diventare un elemento trainante per porre le basi per un progetto originale di rilancio.
La montagna, dunque, non solo come idea per suggestioni da cartolina e per le scampagnate della domenica, ma luogo dove si può decidere di vivere, abitare e fare impresa.
Abbiamo il dovere di crederci – per questo “abbiamo dichiarato guerra” allo spopolamento – e di far partire la sfida del ritorno per riabitare con convinzione i luoghi che ci appartengono.
Grazie all’Unimol per l’attenzione riservataci. E grazie ai sindaci dell’alto Molise che, come noi, resistono e condividono lo sforzo di mantenere accesa la speranza per le nostre popolazioni.”

Potrebbe interessanti anche:

Giuseppe Iaciofano, molisano d’origine lancia il suo brand: “Ero una drag queen. Ora vivo di moda a Londra”

Giuseppe Iaciofano parla oggi della sua vita e del suo percorso professionale costellato n…