Uscita social di patron Gesuè non presente a Latina, ma che ha voluto lanciare un messaggio forte dopo il tonfo nel Lazio: “Non disperare. Ogni sconfitta getta i semi della vittoria.” Dopo giorni di consultazioni interne, sembra che la società si stia rendendo conto della necessità di possibili integrazioni dal mercato, ferma restando la massima ed incondizionata fiducia nel gruppo attuale. Cudini fa il punto della situazione sugli infortuni: Candellori si sta allenando con il gruppo regolarmente. Dovrebbe tornare nell’undici anti Foggia. Progressi per Di Francesco che, tuttavia, salterà anche domenica. Buone speranze che l’attaccante torni contro il Francavilla il 28 novembre. Sicuro assente di domenica è Bontà, un turno di stop imposto dal giudice sportivo. La settimana prosegue con il tecnico che sta provando a ricaricare le pile ad un gruppo apparso privo di grinta e di rabbia agonistica. Alti e bassi preoccupanti e apparentemente senza motivo. Il Campobasso vuole rialzarsi al cospetto di un Foggia che, secondo i commentatori, può aver vinto la gara della svolta a Catania. In realtà, i pugliesi stavano tenendo un ritmo discreto ma privo di grossa continuità. In questo senso la vittoria in Sicilia potrebbe essere stata spartiacque.
Un dato che può far riflettere racconta di uno squilibrio notevole fra i gol fatti dal Campobasso ( 20) e quelli subiti ( 27) nell’arco di 14 giornate. Ebbene, questi due numeri collocano da una parte i rossoblu come uno dei primi attacchi del girone( esattamente) il quarto in compagnia del Palermo; dall’altra, la peggiore difesa, a seguire c’è quella del Catania con ventiquattro reti subite. Da qui risalta lo squilibrio di una squadra che a livello offensivo non ha fatto male, tutt’altro ma che parte, sempre numeri alla mano, con un handicap di due gol a turno in media. Complicata la salvezza diretta se i numeri dovessero rimanere questi. La società ha riservato una promozione che abbraccia le due gare consecutive interne: chi dovesse acquistare in questi giorni il pacchetto Foggia e Francavilla riceverebbe uno sconto sul doppio acquisto. La prevendita è partita. La stessa società ha comunicato che per motivi logistici i cancelli di selva piana saranno aperti dalle 15:30, cioè due ore prima del match. Va pure attesa per domani la pronuncia del Gos sulla presenza dei tifosi foggiani a Campobasso. Qualora fossero autorizzati, i tifosi ospiti sarebbero cinquecento. L’organo in questione che è l’acronimo di Gruppo operativo sicurezza, ha l’ultima parola in merito. Tornando a domenica, il Campobasso ha ricevuto una sanzione di duemila euro a causa del lancio di petardi da parte di alcuni tifosi rossoblu e per i cori irriguardosi nei confronti del Latina.

Notizie dal girone, a Catania ci si sta attivando per evitare il fallimento e la perdita della matricola che significherebbe l’esclusione dal torneo in corso e la ripartenza dalla categoria inferiore. Domani si dovrebbe pronunciare il tribunale di Catania in merito alla richiesta di fallimento: SI GI che ha la proprietà della società dovrebbe fornire idonee garanzie per porre rimedio alla pesante situazione debitoria. Se il Catania dovesse fallire ed essere, quindi, escluso dal campionato entro la fine del girone di andata, tutte le squadre che hanno fatto punti contro gli etnei, si vedrebbero decurtati i punti corrispondenti. Da registrare le dimissioni dell’amministratore Nico Le Mura. Giorni caldissimi in Sicilia, tutti con il fiato sospeso a Catania nella speranza che si eviti l’esclusione della società dal campionato.

Potrebbe interessanti anche:

Calcio, Lega Pro, per i lupi prossimo step ad Andria. Zeman prolunga il contratto a Foggia

Sul cammino dei rossoblu l’Andria che, obiettivamente, vive un periodo molto peggiore risp…