La peggiore partita stagionale in quel di Latina. Nessun appello per il Campobasso, una giornata nera, nerissima, dove gli errori dei singoli si sono uniti ad altri di squadra, un mix letale che ha portato il Latina sul 4 a 0 dopo poco più di un’ora di gioco. Gol regalati, situazioni di gioco sbagliate, espulsione, chi più ne ha più ne metta. Sappiamo che queste domeniche capitano a tutti, in tutte le categorie, ad ogni latitudine, è impossibile analizzare al dettaglio o trovare sfumature, non ha funzionato nulla e per forza di cose bisogna resettare tutto. Nella fattispecie di Latina poco da dire, ad ampio respiro due sono i dati preoccupanti: i gol subiti e le sconfitte negli scontri diretti. Dopo 14 giornate i numeri iniziano ad avere un peso, l’analisi rispecchia dei dati oggettivi ineccepibili, anche in considerazione di un campionato che finalmente sta esprimendo i reali valori. Andiamo nel dettaglio, 27 reti al passivo sono oggettivamente troppe. La media è di 1,92 gol subiti a partita, in pratica il Campobasso parte mediamente sotto di due gol. Un trend che va assolutamente invertito, o almeno frenato, con queste medie è difficile maturare la salvezza diretta. Responsabilità da dividere tra tutte le componenti, dai giocatori all’allenatore, nessuno escluso, dalla squadra per errori singoli e di reparto che vanno assolutamente limitati, mentre dal punto di vista della direzione tecnica mister Cudini deve modificare qualcosa.

Il secondo elemento sono le sconfitte negli scontri diretti, abbiamo detto la settimana scorsa che le squadre al di sopra del Campobasso non vanno considerate in un discorso di salvezza, salvo eventuali problematiche societarie (vedi il Catania). Questo vuol dire che i lupi si giocheranno la salvezza con Picerno, Latina, Monterosi, Potenza, Messina, Fidelis Andria e Vibonese. Da questo lotto di 8 squadre, Campobasso compreso, solo 3 festeggeranno la salvezza diretta a fine campionato, salvo clamorosi colpi di scena. Questo vuol dire che in particolare contro queste squadre, si deve provare a non perdere, i punti varranno doppio nelle sfide dirette. I lupi hanno già perso contro Fidelis, Messina e Latina, pareggio contro il Picerno con l’unico successo in casa del Monterosi a Viterbo. Da qui al termine del girone d’andata sono previste altre due gare dirette, a Vibo Valentia il 5 dicembre, e a Potenza il 19 dicembre, ultima gara del girone d’andata. Lupi a quota 16 punti al momento, con un margine di due lunghezze sulla zona play out, ora l’obiettivo è quello di recuperare energie mentali e preparare al meglio la sfida casalinga prevista domenica contro il Foggia. Due gare interne per Rossetti e compagni, da cui bisogna trarre il massimo per tornare a correre dopo soli due punti maturati nelle ultime 4 gare.

Notizie dal girone C, la sconfitta interna contro il Francavilla è costata la panchina al tecnico Antonio Palo, il Picerno calcio ha comunicato il suo sostituto, si tratta di Leonardo Colucci, ex giocatore di serie A reduce dalle esperienze con la Vis Pesaro ed il Ravenna. 

Potrebbe interessanti anche:

Calcio, Lega Pro, per i lupi prossimo step ad Andria. Zeman prolunga il contratto a Foggia

Sul cammino dei rossoblu l’Andria che, obiettivamente, vive un periodo molto peggiore risp…