Campobasso al lavoro in vista della gara in programma domenica a Latina. Allo stadio Domenico Francioni andrà in scena una sfida delicata e dai risvolti importanti. Il Campobasso deve, in primis mantenere le distanze da una diretta concorrente per la salvezza, e cercare un successo che manca da tre giornate, il Latina ha perso 7 delle ultime 8 gare giocate, i laziali in questo periodo nero hanno vinto solo in due occasioni, entrambe le volte tra le mura amiche. In difficoltà la squadra allenata dal tecnico Daniele Di Donato, confermato in settimana dopo le voci su un possibile esonero. I nerazzurri hanno maturato solo 11 punti in queste 13 giornate di campionato, un bottino davvero esiguo con 11 gol fatti e 18 subiti. Latina neo promosso al pari del Campobasso, con la differenza che la serie C è arrivata solo ad inizio agosto dopo i ripescaggi operati dalla Lega Pro. Nella scorsa stagione i nerazzurri hanno chiuso al secondo posto nel girone G, distanti oltre 15 punti dal Monterosi. Il calcio mercato ha portato diversi volti nuovi, su tutti il centrocampista Marcucci proveniente dall’Entella e l’esperto attaccante Jefferson, autore di tre reti in questo avvio di stagione. Di Donato ha provato a cambiare le carte in tavola, in partenza con il 4-4-2, nelle ultime giornate il passaggio alla difesa a 3 con due punte di ruolo in avanti.

Il Campobasso può e deve approfittare di un momento poco felice per la squadra laziale, infatti, per il Latina, il match di domenica, è una vera e propria finale. I lupi non devono commettere gli errori di Messina dove si è subito un approccio veemente dei siciliani. Queste sfide salvezza vanno affrontate meglio dai rossoblu, che hanno perso contro Fidelis Andria e Messina, e vinto con il Monterosi.

Tenkorang

Cudini può contare su diverse certezze, la squadra gioca e realizza con discreta continuità. Sicuramente la gara di Latina sarà diversa rispetto al pirotecnico 4 a 4 contro il Catania, lecito attendersi una gara nervosa, combattuta e sul filo dell’equilibrio. In queste condizioni, che sicuramente i lupi troveranno al Francioni, ci aspettiamo una crescita. La concretezza sarà l’elemento decisivo, le partite spigolose si risolvono con l’episodio e la praticità, il risultato conta più di ogni discorso tecnico e tattico.

Sulla squadra, assenti certi Menna, Di Francesco e Tenkorang. Quest’ultimo durante l’allenamento di ieri ha accusato un problema al ginocchio, le condizioni del centrocampista saranno valutate giorno per giorno, la sensazione è che l’infortunio possa essere al menisco. Un’assenza pesante per il tecnico marchigiano che dovrà rinunciare ad uno dei migliori giocatori in questa prima parte di stagione, per un periodo non brevissimo. Cudini valuta se schierare dal primo minuto Emmausso dopo le buone indicazioni offerte dall’esterno offensivo domenica scorsa. In difesa conferme per Fabbriani, Dalmazzi e Magri, possibile l’avvicendamento Pace in luogo di Vanzan sulla sinistra. A centrocampo out Tenkorang, si punta sulla qualità di Ladu. Tifoseria rossoblu pronta a seguire la squadra, diverse le prevendite già acquistate dal pubblico campobassano per affrontare i circa 200 km di distanza dal capoluogo di provincia laziale. 

Chiusura sul girone C, ieri nel recupero della 12 esima giornata, il Catania ha superato 1 a 0 la Vibonese, decisiva la rete messa a segno da Russini al 7° del primo tempo. I siciliani salgono a 19 punti in classifica, mentre la Vibonese resta in coda insieme alla Fidelis Andria con 9 lunghezze. 

Potrebbe interessanti anche:

Calcio, Lega Pro, per i lupi prossimo step ad Andria. Zeman prolunga il contratto a Foggia

Sul cammino dei rossoblu l’Andria che, obiettivamente, vive un periodo molto peggiore risp…