“Invitiamo i consumatori a verificare e mettere a confronto i diversi prezzi e per evitare di cadere nelle trappole del mercato e suggerisce di evitare venditori improvvisati preferendo l’acquisto, se possibile, direttamente dai produttori, ricordando che acquistando fiori italiani si sostengono le imprese, l’occupazione e l’intero il territorio”. E’ l’appello lanciato da Coldiretti Molise nel giorno della commemorazione dei defunti. “Dopo le limitazioni dello scorso anno dettate dall’emergenza Covid – evidenzia l’associazione -, quest’anno gli italiani tornano con maggiore liberta’ nei cimiteri con piante e fiori da porgere in dono ai propri cari defunti. Una tradizione che sostiene il settore florivivaistico duramente colpito, come tutto l’agroalimentare, dalla crisi pandemica. Per la floricoltura Made in Italy questo periodo rappresenta circa il 20% del proprio fatturato. Purtroppo, pero’, la produzione nazionale risulta essere in contrazione, a causa della riduzione dei trapianti, nei mesi scorsi, dettata dalle incognite legate all’andamento della pandemia”. Coldiretti infine evidenzia come il settore sia in sofferenza per l’aumento dei costi energetici, dei fertilizzanti, delle plastiche e di tutti i fattori produttivi, a monte e a valle della produzione in serra: “Dalle talee ai trasporti, dai vasi al confezionamento. L’aumento dei costi di produzione rischia cosi’ di affossare il reddito delle imprese. E’ pertanto necessario intervenire, anche attraverso il Pnrr, per ridurre i costi energetici e della logistica e rendere il settore piu’ competitivo. A rischio – avverte l’associazione di categoria – c’e’ il futuro di un settore chiave del Made in Italy agroalimentare che in campo nazionale interessa 27mila imprese e circa 200mila posti di lavoro”.

Potrebbe interessanti anche:

Dopo due anni di stop dovuto alla pandemia, l’associazione Notti Mediterranee di Roccavivara presenta il programma delle iniziative 2022

Dopo due anni di stop dovuto alla pandemia, l’Associazione Notti Mediterranee di Roccaviva…