L’Universita’ del Molise e’ l’unico partner italiano del progetto di cooperazione transfrontaliera ‘Commercialization of an automated monitoring and control system against the olive and med fruit flies of the Mediterranean Region’ finanziato dal Programma Europeo Eni-Cbc-Med. Realizzato in collaborazione con universita’ ed istituti di ricerca di Grecia, Spagna, Tunisia e Libano, mira a sviluppare una soluzione automatizzata per il monitoraggio e il controllo della mosca dell’olivo (Bactrocera oleae) e della mosca mediterranea della frutta (Ceratitis capitata). L’obiettivo e’ quello di sviluppare due prodotti pronti per la commercializzazione che offrano agli agricoltori un supporto all’attuazione della corretta strategia di difesa integrata contro i due insetti infestanti, nel rispetto della sostenibilita’ ambientale. Durante l’implementazione del progetto saranno organizzate dimostrazioni su funzionamento e prestazioni di due prototipi di trappole elettroniche ‘OliveFlyNet’ e ‘MedFlyNet’, completamente automatizzate, che grazie ad una serie di servizi online consentiranno un monitoraggio da remoto in tempo reale finalizzato ad una maggiore tempestivita’ ed efficacia dei trattamenti. Il gruppo di ricerca del dipartimento Agricoltura, Ambiente ed Alimenti, guidato dal Prof. Andrea Sciarretta, ha avviato le attivita’ sperimentali presso l’oliveto dell’Azienda agricola Zeoli di Larino dove verranno raccolti i dati sul campo relativi al funzionamento della trappola ‘OliveFlyNet’.

Potrebbe interessanti anche:

Giuseppe Iaciofano, molisano d’origine lancia il suo brand: “Ero una drag queen. Ora vivo di moda a Londra”

Giuseppe Iaciofano parla oggi della sua vita e del suo percorso professionale costellato n…