I manifesti funebri affissi in paese annunciano il funerale per oggi. Ma oggi a Toro non si è celebrato alcun funerale. La salma di Mario Miozzi, il 65enne trovato morto ieri mattina in casa, è stata sequestrata dalla magistratura. Nella tarda serata di ieri è stata prelevata dall’abitazione e trasferita all’ospedale Cardarelli dove saranno svolti tutti gli accertamenti necessari per stabilire con certezza cause della morte, eventuali lesioni e orario del decesso. La prima svolta dalle indagini è arrivata dopo che nella serata di ieri diverse persone sono state ascoltate come testimoni nella caserma del paese. Trovano conferma le voci che parlavano di un pestaggio dell’uomo avvenuto l’altra sera in un bar poco distante dalla sua abitazione. Mario Miozzi viene descritto dai suoi concittadini come la persona più buona del paese. Viveva solo in una casa del centro storico dove la nipote Amalia Miozzi lo ha trovato senza vita. Il referto del 118 parla di decesso per arresto cardiocircolatorio, ma l’uomo ha alcune ferite alla testa. Diversi dunque i punti oscuri nella vicenda e ancora da chiarire.

Potrebbe interessanti anche:

Vaccini, i dati di uno studio coordinato dal Professor Ripabelli: “Vaccinarsi è l’arma più efficace contro il Covid”. Ci sono ancora sacche di resistenza

Un studio sulla sorveglianza attiva su operatori sanitari privati di Abruzzo e Molise per …