Successo entusiasmante per i lupi in quel di Monopoli. Bisogna essere sinceri, non ci aspettavamo due successi del Campobasso nelle gare contro Paganese e Monopoli, squadre allestite per un campionato di vertice con un budget di gran lunga superiore a quello del team rossoblu. La differenza non si è vista, al contrario, i ragazzi di Cudini hanno portato a casa 6 punti con pieno merito. In terra pugliese, sin dalle prime battute, il Campobasso ha dimostrato di voler portare a casa l’intera posta in palio. Ritmi alti, supportati da una condizione fisica eccellente, conditi da un’organizzazione tattica invidiabile. Il Campobasso ha vinto con questi due elementi la gara del Veneziani. La gamba dei lupi è stata nettamente migliore rispetto a quella degli uomini di mister Colombo. Campobasso dinamico nel ribaltare l’azione, rapido nel raddoppiare in fase difensiva e sempre pronto sulle seconde palle. Il tutto sostenuto da un’organizzazione certosina, i reparti si muovono all’unisono, le distanze sono giuste, insomma la squadra sa sempre come muoversi all’interno del rettangolo di gioco.  Il Monopoli ha calciato solo due volte verso la porta di Raccichini, la prima con il gran gol di Starita, la seconda nei minuti finali con il tiro di Grandolfo ribattuto dal portiere rossoblu ed il susseguente tap in fallito da Nocciolini.
Mattatore dell’incontro Tenkorang, la mezz’ala vive un momento d’oro, non solo a livello realizzativo, due reti, quasi tre con la doppietta sfiorata solo per l’autogol di Guiebre, il ragazzo sta giocando davvero alla grande garantendo quantità e qualità alla mediana di Cudini. Un ragazzo cresciuto esponenzialmente e che si è guadagnato il posto da titolare a suon di prestazioni. In ultima analisi gli 11 punti in classifica sono tutti strameritati, anzi i lupi sono in debito con la fortuna per quello che hanno dimostrato nelle prime otto gare di campionato. La media punti per la salvezza è assolutamente in linea con l’obiettivo, lo score in trasferta è da zona play off, ora bisogna crescere con il rendimento interno. Certo la prossima sfida casalinga è senza dubbio la più difficile del torneo, contro il Bari, ma in linea di massima la salvezza va costruita in casa, in particolar modo quando inizierà il girone di ritorno.

Tifoseria campobassana davvero su di giri, dopo aver sostenuto la squadra sotto la pioggia battente di Monopoli, i supporters rossoblu sono pronti ad invadere Selvapiana per la gara di domenica prossima contro la capolista Bari. Lo stadio potrà ospitare sino a 5600 spettatori, un numero che può essere colmato, ci auguriamo, per la bellissima sfida di cartello contro la squadra guidata da mister Mignani.

Chiuso un capitolo se ne apre un altro, da oggi mister Cudini prepara con i suoi la sfida alla capolista. Lo staff medico è al lavoro per valutare le condizioni Fabriani e Menna. Il primo ha subito un duro colpo al capo, in uno scontro di gioco, tre giorni di prognosi per il terzino classe 2001, da verificare in settimana la sua disponibilità per la sfida ai galletti. Per Menna lo stop muscolare non dovrebbe essere di grave entità, il difensore centrale cercherà il recupero lampo per non mancare il big match della nona di campionato. Servirà qualche altro giorno per il recupero completo di Ladu, il mediano assente da inizio campionato, si sta allenando parzialmente con la squadra, ma per vederlo all’opera bisognerà attendere una decina di giorni.

Potrebbe interessanti anche:

Basket Femminile, La Molisana Magnolia Basket Campobasso vince anche a Bologna

Tre – per gli amanti della numerologia – è la ‘cifra perfetta’. Ed è la partita perfetta q…