“L’insegnamento lasciato copra il vuoto, la fede sia il nostro sostegno”, l’omelia del vescovo di Trivento Palumbo al funerale di Roberto Florio, il camionista vittima dell’incidente stradale nel milanese. In tanti hanno voluto dare l’ultimo saluto, a Roberto Florio, nella chiesa Cattedrale di Trivento: per via delle restrizioni del Covid, molti hanno seguito le esequie nel piazzale antistante. Un dolore composto, i familiari più stretti, hanno circondato la bara coperta da un cuscino di rose rosse. Un’atmosfera sommessa, un lutto che ha colpito l’intera comunità, soprattutto per la giovane vita spezzata, Roberto Florio lascia moglie e due figli, e anche per la dinamica dell’incidente. Fuori la chiesa, nel centro urbano, una rappresentanza di autotrenisti ha salutato il collega, Roberto Florio: persona dedita al lavoro e alla famiglia.

Potrebbe interessanti anche:

Il Presidente Mattarella conferisce al giornalista agnonese Vittorio Labanca l’onorificenza di Cavaliere della Repubblica

Un riconoscimento che arriva dall’alto quello ricevuto dal giornalista agnonese Vitt…